I pirati di Maxim - Vittorio Pasteris Visita <a href="http://www.liquida.it/" title="Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida">Liquida</a> e <a href="I widget di Liquida per il tuo blog">Widget</a>

Vittorio Pasteris

Parole Fatti Pensieri

header


I pirati di Maxim




WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog Iscriviti al suo feed RSS

Via l’isola dei Cassintegrati

Arianna Ciccone ci ha segnalato un post intitolato “Come vengono fottuti i giornalisti free lance in Italia #1“, testimonianza di Alberto Puliafito, giornalista freelance che collabora con diverse testate italiane e a cui la rivista Maxim Italia deve ancora pagare un reportage su L’Aquila pubblicato un anno fa. Quella di Alberto è una situazione comune a molti freelance in Italia, ma non è questa la normalità che vogliamo.

Dopo una telefonata al numero della redazione indicato sul sito maxim.it, Arianna scopre che Maxim Italia S.r.L. è fallita a novembre 2011 e che la rivista attualmente in edicola (che porta lo stesso nome) non è responsabile dei debiti contratti dal precedente gruppo editoriale (qui potete leggere il tumblr di Arianna). A quanto pare, infatti, la nuova società Editoriale Mode S.r.L. avrebbe acquistato la licenza direttamente dall’America, senza farsi carico dei debiti contratti dal precedente proprietario.

Abbiamo provato a contattare Alberto Puliafito per capire meglio la situazione ma preferisce non parlare fino a quando non otterrà chiarimenti in merito dal nuovo editore. In risposta a un commento lasciato sul suo blog scrive: ”Le persone con cui sono entrato in contatto per il mio reportage (dai cui non ricevo risposte alle mail), tuttavia, sono le stesse che appaiono nei contatti mail del sito maxim.it e non si rileva alcuna discontinuità apparente dal sito. Probabilmente, il polverone suscitato aiuterà a chiarire la questione…”

Rimane molta perplessità attorno a questa fumosa vicenda, emblematica degli ostacoli con cui si deve confrontare chi lavora nel mondo del giornalismo precario: com’è possibile che una rivista come Maxim fallisca nell’assoluto silenzio? Con un passaggio di testimone avvenuto nell’ombra. E il nuovo editore, perché non si è preoccupato di aggiornare il sito web? Dove sono finiti i vecchi proprietari? Quanti freelance della vecchia Maxim si trovano oggi nella stessa situazione? Questo post verrà aggiornato con tutte le novità.

* 12 aprile, 2012 * Diritti, Economia, Media

* Tag:,
Se vuoi seguire questo blog abbonati al feed RSS.
Puoi anche iscriverti alla newsletter inserendo il tuo indirizzo e-mail

Scrivi un commento