Archivio Tag: linkedin

I nuovi profili di Linkedin




Dal blog di Linkedin We’re excited to share that we’ve just launched the next generation LinkedIn Profile, making it easier for our 175 million members to tell their professional stories, be found for opportunities, and build relationships through meaningful interactions. Over the next few months, all LinkedIn members will start to see their profiles in… Leggi tutto »

Linkedin in borsa




Via All Things Digital According to a press release about to post, LinkedIn will price its shares at $45 each in its IPO tomorrow. The price, at the top of its range, will give the Silicon Valley business networking company a $4.5 billion valuation. That’s a stunning number for LinkedIn and a sign that the… Leggi tutto »

Member number 67637




Riceviamo da Reid Hoffman Co-founder and Chairman di LinkedIn I want to personally thank you because you were one of LinkedIn’s first 100,000 members (member number 67637 in fact!*). In any technology adoption lifecycle, there are the innovators, those who help lead the way. That was you. We hit a big milestone at LinkedIn this… Leggi tutto »

Un curriculum innovativo, dinamico e motivato per trovare lavoro: le statistiche di Linkedin




LinkedIn, ha divulgato  la top ten delle espressioni più usate nei profili professionali. Le parole e le locuzioni più usate dai professionisti, in Italia come in Europa, sono: Innovativo Dinamico Motivato Vasta esperienza Proattivo Propenso al lavoro in team Comprovata esperienza Valore aggiunto Orientato ai risultati Spiccate capacità di problem solving

La “facebookizzazione” di Linkedin si chiama Signal




Via Vincenzo Cosenza LinkedIn, il social network professionale più grande del mondo, cresce lentamente ma costantemente, e lo fa provando ad innovare il concept iniziale. Sono riuscito ad entrare nella beta di quella che potrebbe essere la futura interfaccia, nome in codice Signal. La novità fondamentale è l’introduzione di uno stream in tempo reale delle… Leggi tutto »

Lo stato di Linkedin




Vincenzo Cosenza fotografa il fenomeno Linkedin In Italia e nel mondo LinkedIn ha quasi 69 milioni di utenti sparsi in 200 nazioni. U.S.A., India e U.K sono quelle col maggior numero di membri. L’Olanda mostra il maggiore tasso di adozione al di fuori degli Stati Uniti. Gli uomini (61%) superano di gran lunga le donne… Leggi tutto »

Il Linkedin del Wall Street Journal




In America gli editori cercano nuove strade. In Italia … The Wall Street Journal has long envied the success of professional social network LinkedIn and its 15 million or so monthly visitors (WSJ.com has just a third of that). In late 2008 they launched WSJ Community, a social network bolted onto the main WSJ site…. Leggi tutto »

Il terrore corre in rete




In bloggante in un pericoloso debordo digital comunicativo ha deciso di lanciarsi con impegno nel mondo dell’instant messaging sociale. Per non lasciare nulla di intentato si è aperto un accont nell’imperdibile HelloTxt, inserendoci le sue login sociali di Facebook, Linkedin, Twitter e FriendFeed. Temete gente, scariche di bit in arrivo

21 anni di Gsm: un libro




Un libro interessante per capire il mondo in cui siamo immersi. L’autore è Luca Tommasini,responsabile dell’innovazione di business del Gruppo Telecom Celebrare la maggiore età del telefonino a 21 anni dalla firma del Memorandum of Understanding del 7 settembre 1987 a Copenhagen sembra una cosa ovvia, visto il successo straordinario di questo oggetto che à… Leggi tutto »

Ora anche Linkedin ha le applicazioni




Continuando nella sua lenta “facebookizzazione” anche Linkedin ha annunciato la disponibilità di applicazioni sulla sua piattaforma. Si spazia dall’integrazione con Box.net e WordPress, alla possibilità di includere predentazione fatte con Google o con Slideshare Via Linkedin blog I’m writing today to announce the launch of LinkedIn’s applications platform that will enable over 30 million professionals… Leggi tutto »

Facebook: un fenomeno tutto italiano




Via Aiuti.com Al di là dei tanti meccanismi di funzionamento e della ricchezza delle applicazioni, quello che emerge non è il programma, ma il comportamento d’uso. Ci si comporta tenendolo sempre aperto come un ambiente in background che ti fa percepire che cosa sta avvenendo nella rete di persone che conosci, proprio come se fossero… Leggi tutto »