Archivio Tag: zeusnews

E rimettere online i redditi degli italiani ?

Via ZeusNews Per ora lo ha chiesto pubblicamente solo il vicepresidente del Senato Vannino Chiti, del Pd; Tremonti sembra assolutamente indifferente alla cosa. Rimettere on line tutte le dichiarazioni dei redditi, aggiornate, trasparenti, accessibili gratuitamente a tutti: lo aveva fatto Visco nel 2007, provocando le reazioni di tanta parte della politica e del mondo economico… Leggi tutto »

Se Telecom acquisisse Telefonica

Via Zeus News In questi giorni torna di attualità l’ipotesi che Telefonica acquisisca il pieno controllo di Telecom Italia, governata dal suo “fiduciario” Bernabè, rilevando le quote delle banche italiane e di Generali, ormai stufe dell’investimento non abbastanza redditizio. Il tutto potrebbe avvenire con il via libero di Berlusconi, che prima di Natale ha avuto… Leggi tutto »

Lo scherzone degli autovelox

Via Zeusnews Alcuni studenti della Richard Montgomery High School e della Wotton High School, nello stato del Maryland (USA), hanno trovato il modo di sfruttare gli autovelox per giocare costosi scherzi a compagni di scuola e professori. Il sistema è molto semplice: utilizzando dei font reperibili in Internet (pare che la scritta Maryland usi un… Leggi tutto »

Come rifondere le vittime dei dialer

Via ZeusNews Ancora una volta il conflitto di competenze in materia di telco tra Antitrust e Authority per le comunicazioni si rende evidente: l’Antitrust è più severa nei confronti dei gestori telefonici, mentre l’Agcom è decisamente più tollerante. Le “truffe satellitari” hanno colpito milioni di utenti italiani della telefonia fissa, che si sono visti addebitare… Leggi tutto »

Telecom chiede l’aumento del canone

Via Zeus News Telecom Italia ha chiesto ufficialmente all’Authority per le Comunicazioni un aumento del canone del telefono fisso di 1,26 euro, che salirebbe da 12,40 a 13,66 euro mensili. Anche per il canone all’ingrosso Telecom chiede all’Autorità un aumento di 1,70 euro per linea che i concorrenti pagano per l’uso della propria infrastruttura: si… Leggi tutto »

Le motivazioni del dissequestro di Pirate Bay

Via ZeusNews E’ passata qualche settimana dal dissequestro del sito di The Pirate Bay, oscurato ad agosto su istanza delle case discografiche; venerdì scorso il Tribunale del Riesame di Bergamo ha depositato le motivazioni. Tali motivazioni sono da oggi disponibili online grazie al Circolo dei giuristi telematici che pazientemente hanno ricopiato la sentenza del Tribunale… Leggi tutto »

Tre taglia 450 dipendenti

Via ZeusNews La crisi del gestore mobile 3, con i cinesi sempre meno convinti dell’investimento e con l’attivo ben lontano, comincia a farsi sentire anche sugli organici: ci sono 450 dipendenti da tagliare entro la fine dell’anno, in tutte le aree tranne il customer care (per ora). Sono state già avviate le procedure per la… Leggi tutto »

Un Abaco con Atom

Via ZeusNews Abaco è un mini Pc desktop che nasce per realizzare la filosofia della società italiana Acab: realizzare uno strumento che soddisfi le necessità dell’utente senza un inutile spreco di risorse e nella massima semplicità. Le dimensioni sono estremamente ridotte: le specifiche parlano di 20 x 10 x 27 centimetri, ossia una superficie più… Leggi tutto »

Da lavoratori a ostaggi

Dietrologie possibili dei 5000 tagli in TelecomItalia E se i 5.000 esuberi denunciati, improvvisamente, da Telecom Italia fossero più che una manovra di riduzione dei costi uno strumento di pressione per ammorbire Authority varie e ricevere aiuti dallo Stato? La trattativa sindacale per i 5.000 lavoratori di troppo potrebbe ridursi all’interno della trattativa sul futuro… Leggi tutto »

Sim ‘e Napule

Via Zeus News La Guardia di Finanza e la Polizia di Stato hanno scoperto una frode informatica ai danni della Tim per 50 milioni di euro circa, grazie a un’indagine iniziata nel 2007. Si tratta di 35 mila Sim intestate a utenti inesistenti o extracomunitari, su cui ogni giorno, dal 2006, sono state caricati in… Leggi tutto »

Spioni sul p2p: non grazie !

Via ZeusNews Il Garante per la protezione dei dati personali ha chiuso l’istruttoria sul caso Peppermint ritenendo illecita l’attività svolta dalla società. Esiste infatti una direttiva europea che vieta ai privati la possibilità di effettuare monitoraggi “ossia trattamenti di dati massivi, capillari e prolungati nei riguardi di un numero elevato di soggetti”. Il Garante inoltre… Leggi tutto »