Vittorio Pasteris

Parole Fatti Pensieri

header


Il nuovo regolamento della formazione dell’ordine dei giornalisti

* 2 marzo, 2015 * Pensieri * 0 commenti

* Tag:

Internet è un bene primario: gli Usa approvano la net neutrality

* 26 febbraio, 2015 * Diritti, Economia, Internet * 0 commenti

La Federal Communications Commission (Fcc), agenzia che regola le comunicazioni negli Stati Uniti, ha approvato le nuove regole della net neutrality, dopo un dibattito pubblico durato alcuni mesi, nel quale è intervenuto anche il presidente Obama. In base alle regole, non si potrà creare un rete a due velocità per i provider e i fornitori di servizi disposti a pagare di più. La net neutrality è stata sostenuta dalla Casa Bianca e dai grandi gruppi tecnologici americani (tra cui Amazon, Google, Facebook), mentre era stata attaccata dai provider di servizi come Verizon, Comcast, At&t. Le nuove regole vietano ai provider di offrire a pagamento una maggiore velocità di internet.

Il web viene considerato come un’utility pubblica ovvero un bene primario. La misura, sostenuta dall’amministrazione Obama, che ha difeso il principio della neutralità di Internet  è passata con tre voti a favore  e due contro.

* Tag:

Ogni euro speso per la tav in Piemonte è un euro sottratto alla sanità

* 19 febbraio, 2015 * Personale * 0 commenti

* Tag:,

Il Governo ai tempi della crisi

* 19 febbraio, 2015 * Italia, Pensieri * 0 commenti

Via Openpolis

Il primo anno del Governo Renzi è l’occasione per un’analisi comparata sulla composizione e le attività degli Esecutivi Berlusconi, Monti, Letta e Renzi. Quali le priorità, quante le leggi, le variazioni nella maggioranza e il rapporto con il Parlamento.

Equilibri istituzionali. La transizione verso la “Terza Repubblica” è avviata su un percorso ancora non ben definito ma con alcune certezze. La principale non è che l’armonizzare da un punto di vista normativo ciò che è già prassi: il conferimento al Governo di maggiori poteri.

Continua la lettura »

*

In rettifica all’articolo di questo blog del giorno 11 novembre 2013

* 17 febbraio, 2015 * Blog * 0 commenti

In rettifica all’articolo citato
Nell’articolo pubblicato sul mio blog l’11 novembre 2013 dal titolo  “Master in giornalismo: a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”, ho espresso giudizi avventati che intendo invece dover modificare nel massimo rispetto per l’Università di Torino e per il Master di Giornalismo.

Continua la lettura »

*

Conti fatti a consuntivo sulle grandi opere a Torino

* 14 febbraio, 2015 * Personale * 0 commenti

Dal sito Notav.info

Se non vivi nell’universo parallelo costruito dai vari organi di formazione perpetua detti anche “mazzi di informazione” magari a tutti questi bellissimi slogan credi anche. Ma sarebbe bene che Torino aprisse gli occhi di fronte al proprio passato, per decidere cosa fare del suo futuro.

Torino è stata la città laboratorio dell’ideologia Grande Opera. Tra i 1998 e il 2006 sono arrivati 15 miliardi di fondi pubblici, il valore del Tav più o meno. Alcuni miliardi erano fondi raccattati qua e là, di manovra in manovra, perfino con delle lotterie; altri miliardi invece sono stati erogati dalle banche ma sempre coperti dallo Stato. Tale cifra rappresenta un record probabilmente imbattuto, nessuna città ha mai avuto così tanto fondi in un tempo così breve nella storia della Repubblica.

Continua la lettura »

* Tag:, ,

La libertà di stampa in Italia è peggiorata nel 2014. Il paese è sceso alla 73a posizione perdendo 24 posizioni fra i 180 paesi monitorati

* 13 febbraio, 2015 * Personale * 0 commenti

Via Internazionale

La libertà di stampa nel mondo ha subìto una “regressione brutale” nel 2014, conseguenza dell’azione del gruppo Stato islamico e del gruppo terroristico nigeriano Boko haram. Nei due terzi dei 180 paesi controllati la libertà ha registrato un calo. I dati sono stati pubblicati oggi da Reporters sans frontières. La Siria è al 177° posto, dopo la Cina (176), prima del Turkmenistan (178), della Corea del Nord (179) e dell’Eritrea che è all’ultimo posto (180).

La libertà di stampa in Italia è peggiorata nel 2014. Il paese è sceso alla 73a posizione tra i 180 paesi monitorati, perdendo 24 posizioni (nel 2014 occupava il 49° posto).

Il calo della libertà registrato è dovuto agli attacchi contro i beni dei giornalisti, in particolare contro le loro automobili. I giornalisti italiani hanno subìto 43 aggressioni fisiche e sono stati segnalati 7 casi di attacchi incendiari nei primi dieci mesi del 2014. Sono aumentati anche i casi di accuse ingiustificate di diffamazione, saliti dagli 84 del 2013 ai 129 dei primi dieci mesi del 2014. La maggior parte di queste cause è stata intentata da personaggi pubblici che sono stati eletti nel paese e ciò costituisce una forma di censura.

* Tag:,

Salviamo Pracatinat

* 11 febbraio, 2015 * Ambiente, Pensieri, Piemonte * 0 commenti

Pracatinat è un centro di Informazione ambientale di grande importanza che la Regione Piemonte vuole chiudere. Gli educatori scrivono per salvarlo

Tutti siamo uniti dalla convinzione che Pracatinat sia un’eccellenza per la qualità della proposta formativa in Piemonte e in Italia. E le eccellenze, come si sa, sono onerose da mantenere, ma anche difficili da produrre e replicare. Di questo, crediamo, va tenuto conto nel momento in cui si prendono decisioni importanti e sicuramente sofferte. Decidere che cosa lasciare indietro consegnandolo al passato è già un modo di scegliere che cosa si vorrà essere in futuro, e ci è difficile pensare che si possa semplicemente fare a meno di tutto ciò che Pracatinat ha rappresentato in questi anni.

Continua la lettura »

* Tag:,