Vittorio Pasteris - Parole Fatti Pensieri Visita <a href="http://www.liquida.it/" title="Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida">Liquida</a> e <a href="I widget di Liquida per il tuo blog">Widget</a>

Vittorio Pasteris

Parole Fatti Pensieri

header


Le prime pagine de La Gazzetta dello Sport

* 22 luglio, 2014 * Pensieri, Sport * 0 commenti

Uno spettacolo di liboro per i patiti dello sport

* Tag:,

Audiweb e il traffico mobile

* 16 luglio, 2014 * Economia, Internet * 0 commenti

* Tag:,

Piccole miniere di bitcoin al lavoro

* 15 luglio, 2014 * Computer, Economia * 0 commenti

Ovviamente si tratta di esperienza per diletto puramente artigianale, ma si accettano consigli e suggerimenti

* Tag:

L’appello dell’Unità per andare avanti … nonostante tutto

* 14 luglio, 2014 * Economia, Italia, Media * 0 commenti

La storia dell’Unità è quella di un giornale glorioso che poi non ha capito quasi nulla di quello che gli capitava intorno ed è stato tenuto in vita con iniezioni di denaro e finanziamenti pubblici che però non hanno cambiato le cose ….
A voi il video dell’appello della redazione e il pensare come interpretare i fatti, il presente e il futuro …

Per completezza informativa … anche Europa sta chiudendo

* Tag:, ,

La nuova follia delle pesanti sanzioni contro l’esercizio abusivo della professione giornalistica

* 11 luglio, 2014 * Italia, Pensieri * 0 commenti

Con i problemi seri che ha il mondo dell’informazione, di vergognosi personali che operano vergognosamente, di un terremto in corso per la transizione mai metabolizzata fra passato e futuro ecco questi sono i problemi che si pongono i parlamentari sull’informazione in Italia …

Dal sito dell’ODG nazionale

Importante novità dal Parlamento: per chi esercita abusivamente la professione di giornalista é in arrivo una condanna penale più “pesante”, carcere compreso. Stanno infatti per scomparire le attuali blande sanzioni per i redattori e collaboratori abusivi non iscritti all’Albo. Oggi infatti l’articolo 348 del Codice penale prevede che “chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a 6 mesi o con la multa da 103 a 516 euro”. Ciò significa che ce la si può cavare facilmente con una multa abbastanza ridotta senza mai rischiare praticamente il carcere, in quanto la reclusione é alternativa alla sanzione pecuniaria.

Continua la lettura »

* Tag:,

#ZeroPotere: Voci e Storie di Giornalisti Freelance

* 11 luglio, 2014 * Economia, Media, Pensieri * 0 commenti

* Tag:,

8 luglio: la diretta della manifestazione dei giornalisti contro Fnsi e contro il contratto e accordo equo compenso #stopfnsi

* 8 luglio, 2014 * Italia, Media * 0 commenti

* Tag:

L’informazione in Italia, l’accordo truffa della Bisanzio che va a morire e le compiacenze di Renzi il padrone di tutto

* 8 luglio, 2014 * Economia, Italia, Media, Pensieri * 0 commenti

Il riassunto di sfruttamenti, asservimenti e schiavismi politici

Per capire come siamo arrivati al “nuovo contratto” spacca-ossa dei giornalisti – dai dipendenti ai precari, dai finti lavoratori autonomi ai disoccupati, dai freelance ai prepensionati – bisogna ricostruire le varie tappe, con l’aiuto di alcuni dietro le quinte, molte confessioni dei protagonisti e qualche indiscrezione accertata dall’incrocio con le varie fonti.

Innanzitutto, lo sbandierato “nuovo contratto” del lavoro giornalistico è un vero e proprio contratto? Sì e no. A leggere bene i documenti firmati dal segretario nazionale della Fnsi, Franco Siddi, dalla Giunta esecutiva del sindacato spaccata come non mai, dalla Fieg, con la supervisione di Palazzo Chigi e la trepida attesa del presidente dell’Inpgi, Andrea Camporese – il quale altrimenti rischierebbe di vedersi saltare a breve i conti dell’Istituto di previdenza tra le mani – ricorre continuamente la dicitura “accordo sul rinnovo contrattuale”. Cosa vuol dire? Una cosa molto semplice. Nella sostanza – cosa di cui sono consapevoli tutti gli attori in causa, meno che i diretti interessati ossia i giornalisti stessi – quello firmato nei giorni scorsi è un accordo-ponte valido fino al 2016, quando si dovrà veramente scrivere il nuovo contratto e per il quale gli editori si stanno già preparando a dare la spallata finale alla categoria: niente integrativi, azzeramento delle indennità delle domeniche lavorate, dei notturni, e così via. In sostanza, resta il vecchio contratto con l’inserimento delle parti normative nuove (250 euro al mese agli autonomi, stipendi depotenziati per i precari, eliminazione della fissa) più la parte economica: 60 euro lordi al mese per gli art.1, ancora però da definire.

Continua la lettura »

* Tag:,