Un Apple Store a Torino

Di   28 Marzo 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via OneEnergyDream

Ad un giorno di distanza dall’annuncio che il terzo Apple Store italiano aprirà a Torino, arriva un’altra ipotesi sulla location: Le Gru di Grugliasco. Il grande centro commerciale dell’hinterland starebbe già facendo spazio allo store della Mela. L’Apple Store di Torino potrebbe sorgere non in città, presso [8] Gallery, ma a “Le Gru” di Grugliasco. A riferirlo a Macitynet sono alcune fonti che avrebbero avuto l’informazione da alcune realtà commerciali del centro commerciale.

Le Gru di Grugliasco è uno dei centri commerciali più importanti a livello italiano, il più grande, dice la sua scheda, per superficie con i suoi 65mila metri quadrati cui si aggiungono i 14mila del negozio Ikea. Collocato alle porte di Torino (come il Carosello dove si trova il secondo Apple Store), è frequentato quotidianamente da decine di migliaia di persone che raggiungono vertici elevatissimi nel corso delle frequenti aperture domenicali; entro la zona a 20 minuti di auto risiedono 650mila persone. Tra i negozi di rilievo Zara (che alle Gru ha aperto il secondo flasgship store in Italia) e Disney Store. Le Gru ha anche vinto numerosi premi di settore dimostrando una grande capacità di integrazione nel tessuto sociale in relazione alle comunità dell’area e una elevatissima abilità nel rendere visibili le proprie attività commerciali.

Apple Store, secondo quanto ci è stato riferito, avrebbe scelto come collocazione il negozio di articoli sportivi Cisalfa che, secondo quanto viene riferito dalle stesse fonti, sta per liquidare la merce per chiudere e fare spazio al punto vendita di Apple. Il negozio Cisalfa è uno dei più grandi di Le Gru, tanto grande che le sue dimensioni rappresentanto il principale punto interrogativo sullo spessore dell’indiscrezione. Sembra piuttosto difficile che Apple vada ad occupare l’intera area oggi arredata con macchine ginniche, sci, scarponi, scarpe e abbigliamento sportivo in genere costruendo uno store che potebbe avere una superficie anche doppia rispetto a quello di Torino e Milano. Al proposito va però ricordato che nei mesi scorsi si era parlato di una ristrutturazione che avrebbe comportato la suddivisione dello spazio Cisalfa su due negozi dei quali uno potrebbe essere quello Apple.

Un secondo punto interrogativo si colloca sul fatto che il centro commerciale è gestito da Corio, una multinazionale di origini olandesi che ha numerosi “mall” in Europa ed è uno dei principali operatori del settore. Corio, nonostante sia molto attiva sul territorio italiano (ha acquistato recentemente Le Vele di Cagliari e si appresta, in joint venture con Alliantz, ad acquistare il gigantesco Porte di Roma) non è tra le società che hanno offerto fino ad oggi negozi ad Apple. Roma Est e e Carosello, infatti, sono della concorrente Larry Smith e visto che Apple fino ad oggi ha dimostrato una certa coerenza nella scelta dei suoi partner, resta sempre valida l’ipotesi che colloca lo Store a [8] Gallery che, seppure più piccolo e probabilmente meno frequentato, ha il vantaggio non solo di essere a ridosso del centro storico di Torino ma anche di essere in gestione a Larry Smith.