Ravenna 2011 e LabeCamp memories

Di   5 Ottobre 2011
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Dal blog di Lucia Navone

diploD webdesignTre giorni di incontri che hanno visto Ravenna protagonista della sostenibilità e delle nuove politiche ambientali e che hanno segnato il segno più sotto tutti i profili: oltre 20% le presenze rispetto all’edizione 2010, oltre 4 Conferenze, 18 Workshop , 14 labMeeting e 12 Eventi culturali. Tra gli eventi in programma, il LabeCamp, dedicato ai temi della comunicazione ambientale, a cui ho partecipato insieme ad altri  giornalisti ed esperti del settore. Il collega Marco Frattoddi della Nuova Ecologia, Luca Calzolari di Cervelli in Azione, Paola Bolaffio, direttore di Giornalisti nell’Erba, l’unica giovanissima redazione ambientale al mondo, Manuela Raganini e Daniele Staccanella della Cooperativa Gulliver, Roberto Bonafini, redattore di E.Gazette e Andrea Atzori del Consorzio per lo Smaltimento dei rifiuti urbani di Padova, sono stati tra i liberi conversatori del Barcamp organizzato da LabeLab.

Un’incontro informale dove l’onore di “salire in cattedra” è spettato al giornalista Vittorio Pasteris collaboratore de Il Fatto e di Nova 24, coadiuvato da Andrea Vico, giornalista e divulgatore scientifico che hanno magistralmente condotto la giornata. Liberi pensieri, proposti dai partecipanti che hanno affrontato il tema della comunicazione ambientale. Quale dovrà essere il ruolo del comunicatore del futuro, tra generazioni “consapevoli” quali i giovani e, “generazioni delle privazioni”, quali gli anziani è stato al centro della mattinata a cui è intervenuto anche Federico Eligi, Assessore Ambiente del Comune di Pisa.  Tra gli spunti emersi, il ruolo del politico e il rapporto che questo dovrà avere con i cittadini: non più attore passivo che emana leggi dall’alto ma abile comunicatore capace di coinvolgere i propri utenti in progetti sempre più ambiziosi e, a cui dovrà rispondere in prima persona. Alla domanda di Andrea Vico su come il Comune di Pisa si sta rapportando con i propri cittadini, l’Assessore ha raccontato l’esperienza della città della Torre  pendente su la raccolta differenziata e sui risultati raggiunti fino ad oggi grazie alla distribuzione di tessere a punti. Oggi il 32% della raccolta differenziata si fa grazie alle tre isole ecologiche che diventeranno, a breve, cinque e a cui conferiscono oltre 43.000 utenti TARSU.