Rinascimento verde

Di   19 Agosto 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Affari Italiani

Creare 5mila nuovi posti di lavoro in 3 anni dando in affitto le terre demaniali a giovani agricoltori. E’ il progetto del ministro dell’Agricoltura, Lucai Zaia, inserito nel decreto anticrisi. Ad Affaritaliani.it l’esponente leghista spiega: “Censiremo i terreni coltivabili, ci sarà un bando e offriremo canoni bassi solo a chi ci presenterà un business plan serio”. Ecco il progetto rivoluzionario che privilegerà la produzione di prodotti tipici e l’agricoltura innovativa.


Sta per partire ‘Rinascimento verde’: lo Stato affitterà terre demaniali a giovani agricoltori. Come funzionerà?
“Innanzitutto verrà fatto un censimento, perché non tutte le terre demaniali hanno vocazione agricola. Poi la mia idea è di fare un bando a progetto in modo che i possibili assegnatari possano presentare un business plan. Vogliamo, infatti, che ognuno porti un progetto di fondazione di una nuova azienda agricola per evitare che ci siano appropriazioni di terre demaniali per farci il nulla o per agricolture estensive. Da qui la mia idea di investire di più sui giovani visto che oggi rappresentano non solo una grande chance per il futuro, ma anche una agricoltura di innovazione”.

Quindi il bando prevedrà limiti di età?
“Assolutamente. Bisognerà avere meno di 40 anni, visto che è l’età prevista per essere definiti giovani in agricoltura secondo i regolamenti comunitari. E poi conta il progetto”.

Che cosa deve contenere?
“Il piano deve parlare di agricoltura intensiva e deve anche contenere una sorta di bilancio aziendale: un giovane deve dimostrare di che cosa vivrà, come guadagnerà, che lavoro farà e soprattutto se l’azienda riuscirà a stare sul mercato con le proprie forze”.

Saranno privilegiati progetti ‘green’ come l’agricoltura biologica?
“Nel bando saranno privilegiati i progetti che io ho sempre definito di produzione identitaria. Per esempio: se in Campania, nella zona del pomodoro San Marzano o della mozzarella di bufala, riceviamo due proposte, una per una produzione indifferenziata e anonima e un’altra per una produzione locale, sicuramente la seconda avrà più punteggio per avere la terra. In Italia abbiamo 4.500 prodotti tipici: i giovani avranno in mano la salvaguardia delle identità produttive territoriali. E’ questa la forza del nostro progetto”.

Quanti giovani secondo lei parteciperanno?
“Migliaia. Oggi su un milione e 700mila aziende agricole, solo 1.700, il 10%, sono condotte da
giovani. E quindi penso che qualche migliaio di ragazzi chiederà di avere assegnate queste terre anche perché i giovani non si occupano di agricoltura non perché abbiano ancora l’immagine del contadino con la pelle incartapecorita ma semplicemente perché il terreno costa tanto”.

Tanto quanto?
“In Italia, in media, un ettaro costa 25.500 euro. Un prezzo enorme se confrontato con i 5.500 euro della Francia, i 6.500 della Germania e gli 8.500 dell’Oland