Il bordello

Di   4 Novembre 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Repubblica

“Ho conosciuto una persona che lavora per Lele Mora. Mi fa: “Vuoi guadagnare un po’ di soldi? Ti porto dal presidente. Guadagni, ti metti in tasca… “. Il passo fu breve. Racconta Nadia Macrì ai magistrati: “Sono andata a casa di Lele Mora, c’erano anche altre ragazze. Da lì aspettavamo
l’autista per andare dal presidente”. Ma prima, avrebbero fatto una tappa “nello studio di Emilio Fede”. Spiega la testimone: “Fede è secondo me quello che decide. “Tu vai bene, tu non vai bene””. I pm domandano: “Perché, lui faceva una selezione?”. La risposta è secca: “Sì”. Questa la descrizione fatta dalla Macrì: “Sì, una selezione tipo, “Tu come ti chiami, di dove sei?”. Però, poi, siamo andate via tutte”. Erano sette quella sera le ospiti in partenza per Arcore. C’era una festa a casa Berlusconi: “Ho visto Apicella. C’erano poi notai, avvocati, gente di prestigio – la descrizione della Macrì non è molto precisa sul punto – non me li ricordo i nomi”. Si giustifica con i pubblici ministeri: “A me interessava solo il presidente. Ero lì per lui. Dopo cena, gli altri se ne sono andati a casa. Le ragazze sono rimaste tutte insieme. Andavano con lui. Lui faceva: “Avanti la prossima, avanti la prossima””.