Jobs: genio o profeta ?

Di   11 Ottobre 2011
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Itouchology

La parola più abusata dalla scomparsa di Jobs è stata “genio”. Ma a ben guardare i geni della storia diretta e indiretta di Apple sono stati ben altri.
Intanto Wozniak che senza saperlo inventò il computer personale; poi Engelbart, Key e tutto lo Xerox Park che senza saperlo inventarono tutta l’informatica per come hanno imparato a conoscerla i nostri figli; Ian Raskin che senza riconoscerlo inventò il Macintosh o Jonathan Ive che pensando solo al bello inventò le forme di Apple per come ci hanno sedotto.

Di geni Apple si può dire che non ha mai fatto a meno: ne ha passati decine se non centinaia, migliaia se aggiungiamo presunti geni come Stallman, che nella loro vita non hanno saputo fare che parole e stupidaggini, ma Steve Jobs non era fra questi. Di quelli come lui i nostri anni – non solo Apple o le tecnologie – ne ha avuto solo uno. E il nome che merita è un altro.

Con tutte le sue ragioni e i suoi torti Steve Paul Jobs è stato un Profeta. Come Mosé o come Maometto vedevano il senso della creazione e sapevano essere la voce del loro Dio e soprattutto sapevano fare vedere e capire il suo disegno agli uomini semplici dei loro tempi, così Jobs seppe mostrare il futuro all’incrocio dell’arte libera e del potere tecnologico e soprattutto mettercelo in mano e farcelo usare come il fatto più spontaneo e luminoso che potesse esserci per noi. Come canta Jovanotti “ogni cosa è illuminata, ogni cosa nel suo raggio è in divenire”. Questo è stato il profeta Steve, questo ci ha regalato. Non chiamiamolo più genio, ma Profeta: questo sarà per sempre il nome con cui dovremo ricordarlo!