Destini incrociati con Cesare Nosiglia … fino all’idea della videochat

Di   20 Dicembre 2012
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Ho iniziato a sentir parlare di Cesare Nosiglia due anni fa. Ero stato invitato a Vicenza a raccontare cose sul giornalismo digitale ai giornali cattolici locali. Ricordo che arrivai a Vicenza ancora con i sacchi di sacchi intorno al Bacchiglione dopo l’alluvione. Il caso volle che Nosiglia fosse stato da poco nominato vescovo a Torino e che abbia passato buona parte di quel giorno con una persona che lo conosceva bene che mi raccontò di un sacerdote molto presente e molte attivo per i problemi sociali. Così scoprii che Nosiglia è nato a  Rossiglione borgo delizioso sull’appennino fra Liguria e Piemonte e che ha iniziato il suo percorso da sacerdote nell’amatissima Acqui Terme (adottiva per parte di moglie).

Così quando è arrivato a Torino ho iniziato a seguirlo e mi è piaciuto da subito. Poco sensibile alla facile celebrità, attivissimo per essere dalla parte degli ultimi dai poveri, ai rom, dai giovani ai cassintegrati e ottimo comunicatore (che non guasta).

Così un mattino dopo aver letto delle sue interviste prenatalizie mi è venuta una idea-follia. Inviatiamolo su QP per una videochat. E qui arriva un altro personaggio. Don Livio che si occupa della comunicazione del vescovo. Un salesiano a 4 ruote motrici digitali che spazia da facebook a twitter come un ragazzino nativo digitale. L’idea è piaciuta subito e in pochi giorni abbiamo organizzato una videochat per venerdì 21 dicembre. Si quello della fine del mondo … Ma siamo tranquilli che ci si salva …