Una tassonomia degli infonauti italiano

Di   11 Gennaio 2013
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via il giornalaio

L’Osservatorio Demos-Coop, che già a dicembre aveva diffuso i dati sul rapporto degli italiani e l’informazione, ha pubblicato un approfondimento su informazione e coinvolgimento politico della popolazione del nostro Paese.

Il sondaggio è stato condotto da Demetra [sistema CATI] a fine novembre 2012. Il campione nazionale intervistato è stato di 1323 casi ed è rappresentativo della popolazione italiana con 15 anni e oltre per genere, età, titolo di studio e zona geopolitica di residenza. I dati sono stati ponderati in base al titolo di studio [margine di errore 2.7%].

Nonostante la centralità sulla partecipazione politica, dalla quale emerge peraltro la marginalità di Twitter in barba alle agende, ai titoli di giornale ed al gran bailamme in Rete questo fine settimana, vi sono alcuni aspetti specificatamente dedicati alla fruizione dell’informazione che consentono di focalizzare meglio il tema di quanto non fosse possibile fare grazie ai dati di dicembre.

La ricerca identifica quattro cluster, quattro gruppi di persone sufficientemente omogenei al loro interno, della popolazione italiana:

  • Cives-Net, coloro che leggono quotidiani online, discutono e si informano di politica in Internet

  • Infonauti, coloro che leggono giornali online

  • Internauti, usano internet ma non leggono giornali online né discutono e si informano di politica in internet

  • Offline: cittadini che non utilizzano internet