I dolori di un blogger: fra nic, banca sella e aruba alla ricerca dei diritti di un cittadino digitale

Di   5 Marzo 2007
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

dominioscaduto.pngSe qualcuno in giornata si è collegato a questo blog avrà trovato il desolante cartello riprodotto a fianco che poi fortunatamente è scomparso durante il giorno.
Il racconto dell’accaduto è un esempio di una odissea che dimostra quanto sia difficile sopravvivere nella rete italiana.

L’antefatto: il giorno 3 marzo scadeva il contratto di hosting fra il bloggante e aruba per il dominio pasteris.it.
La scelta decisa era di cambiare hosting per i diversi disservizi derivati dalla società aretina. Purtroppo i diversi impegni hanno reso disponibile poco tempo per il trasferimento. per cui il giorno 27 il bloggante si prepara al trasferimento.

Ma ecco la prima sorpresa: Il Nic sospende dal 27 al 5 marzo le operazioni di registrazione e mantenimento

Per gestire al meglio la migrazione dal presente Regolamento (versione 4.0) al nuovo Regolamento (versione 5.0), che avverra’ in data 1 marzo p.v., sono state sospese – dalle ore 12:00 del 27 febbraio alle ore 10:00 del 5 marzo – tutte le operazioni di registrazione e mantenimento dei nomi a dominio.

Il bloggante non si fa prendere dal panico e si informa sul da farsi.
Ma non c’è niente da fare … ovvero così è anche se non vi pare.

La decisione è di tapparsi il naso e prorogare il contratto con Aruba, per poi decidere più avanti e con più calma sul da farsi. Così il giorno 27 carta di credito alla mano viene fatto il rinnovo, Aruba manda una mail di conferma della ricezione dell’ordine e via … più nessuna comunicazione.
Passano i giorni, arriva il weekend successivo. Sabato3, domenica 4, lunedì 5 … Dicevamo lunedì 5. Il bloggante si collega al backoffice del blog per scrivere un post e riceve un pericoloso errore 404. Naviga alla cartella principale e trova il cartello di dominio scaduto.

Che cavolo succede. Partono due richieste di assistenza che verranno evase in velocissime due ore … Nel frattempo si passa al telefono. E qui una ottima addetta al crm pilota la situazione con velocità verso qualcosa di sensato … Ripago subito per sbloccare la situazione, poi vedremo che succede. pagamento effettuato, in una ora il dominio si risblocca.

Il mail ser4ver va a singhiozzo, l’accesso FTP non funziona.

Occorre verificare e capire i due pagamenti cosa hanno visto.

Siamo molto lontani da qualcosa di sensatamente orientato al cliente.

Fra un po’ si migra altrove.