Verba manent

Di   18 Settembre 2008
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

via googlisti

Qualche tempo fa Google introduceva il riconoscimento vocale per i video di YouTube, ovvero la possibilità di cercare una parola pronunciata all’interno di un filmato e saltare direttamente alla porzione di video nel quale essa era pronunciata.

Inizialmente questa tecnologia era sperimentabile dagli utenti attraverso l’installazione di un gadget di iGoogle che effettuava il riconoscimento vocale tra una serie di video relativi alle elezioni politiche americane. Oggi invece Google ha aperto una nuova pagina dei suoi famosi Labs, chiamata GAUDI, che ovviamente non ha nulla a che vedere con il famoso architetto, ma è l’acronimo di Google AUDio Indexing.

Attualmente Google ha abilitato questa tecnologia sempre relativamente ai video caricati sul canale politico di YouTube, sostenendo che i contenuti dei discorsi politici, oltre ad essere argomento di grande interesse per milioni di americani, costituiscono anche un’ottima “palestra” per la piattaforma GAUDI.
Google Audio Indexing

Google Audio Indexing
Questo nuovo servizio, straordinario, consente in pratica di:
1. cercare una o più parole pronunciate in un filmato, raffinando la ricerca attraverso alcuni filtri;
2. guardare il video ottenuto come risultato con la possibilità di ascoltare solamente gli spezzoni di filmato contenenti la parola ricercata. Oppure, in corrispondenza della barra di scorrimento, passare col mouse sopra ciascuno dei trattini gialli che riportano sotto forma di testo scritto la porzione di discorso indicizzata;
3. restringere ulteriormente la ricerca all’interno dello stesso filmato;
4. condividere lo spezzone video contenente la nostra query attraverso il solito meccanismo di copia/incolla URL.

La possibilità che le parole pronunciate verbalmente siano tradotte in testo scritto, con annessa indicizzazione, ricerca, selezione, condivisione delle stesse è certamente un gran passo in avanti verso l’organizzazione dell’informazione mondiale (come la intende Google), soprattutto tenendo conto della sempre maggiore importanza acquisita dai video sul web.