E se votare in massa PdL servisse a creare una discontinuità necessaria ?

Di   20 Febbraio 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Facciamoci del male – direbbe Nanni Moretti – Ma facciamolo fino in fondo e a fin di bene – aggiungiamo noi poveri cittadini oramai orfani di una opposizione all’altezza della situazione.

Tentiamo una nuova strategia: alle prossime elezioni europee votiamo in massa il Partito delle Libertà. Voi penserete: siete impazziti ? Assolutamente no !

Ci sono delle prospettive strategiche per una idea del genere:

1) Tanto Berlusconi e i berluscones vinceranno comunque: non si possono fare troppi danni in questo momento peggio di cosi difficilmente può andare

2) I leader dell’PD trovandosi di fronte a una percentuale a loro favore speriamo ai livelli inferiori al 10% non avranno più la faccia di presentarsi: dimissione di massa come i lemming che si buttano nel mare.

Un rinnovamento forzoso e doloroso, ma necessario. Oramai lo scollamento fra la cosiddetta classe dirigente e la gente o la cosiddetta base pare irreversibile. Loro pensano e agiscono secondo il passato remoto, difendono i loro giochini, non pensano a chi li ha votati e spera in un cambiamento.

Tangentopoli creò una discontinuità, ora ce ne vorrebbe un’altra (non necessariamente di tangentopoli, ma di discontinuità). In qualche modo bisogna inventarsi qualcosa. O no ?

Viste le ultime esperienze l’unica via d’uscita per l’Italia è un “solo morendo rinasceremo£