La BBC e il reality telematico

Di   13 Marzo 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Sos Computer

La BBC ha deciso di spingere la TV verità verso nuovi confini per dimostrare la pericolosità potenziale della rete. Qualche giorno fa gli autori del programma di punta della rete inglese Tv Click Technology hanno comprato una vera e propria botnet contenente 22mila PC infetti, per costruire la sceneggiatura di una puntata dedicata al crimine in rete.

Una botnet è una rete di computer collegati ad internet che vengono infettati da virus informatici o trojan che consentono ai loro creatori di controllare il sistema da lontano.

Comprare un botnet non è così complesso. Ci vuole qualche migliaio di euro e sapere mimetizzarsi per bene per entrare nelle chat dove le gang informatiche smerciano, meglio dire ricettano, i risultati delle loro scorribande in rete. In pratica prima le gang infettano i computer, poi ne prendono il possesso e poi rivendono a terzi gli ostaggi.

Dopo la messa in onda del programma televisivo è scoppiata la polemica: alcuni esperti di sicurezza hanno affermato che l’esperimento era pericoloso e illegale. C’è stata una modifica non autorizzata dei dati del computer che comporta una violazione del Computer Misuse Act, ha dichiarato Graham Cluley il senior security consultant di Sophos. Non ha importanza il fatto che le e-mail siano state inviate ad account di proprietà della Bbc stessa e l’intento criminale non è necessario per ravvisare il reato di accesso non autorizzato a un computer”dice Struan Robertson, di Outlaw.com.