Al setaccio i finanziamenti in cultura a Torino

Di   18 Marzo 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Da Lastampa

Grinzane, ma non solo. La Commissione Cultura del Consiglio regionale ha chiesto all’assessore Gianni Oliva, di conoscere i nomi di associazioni, fondazioni culturali e ricreative, enti locali, musei e biblioteche a cui sono stati assegnati contributi superiori a 100 mila euro. I consiglieri sono intenzionati ad approfondire le modalità e i criteri con cui sono stati erogati questi contributi. Un passo che si aggiunge alla volontà della presidente della Regione, Mercedes Bresso, di mettere sotto la lente di ingrandimento i contributi concessi non tanto a fondazioni ed enti locali ma soprattutto alle associazioni.

In alcuni casi si tratta di contributi legati ad accordi di convenzione. L’assessorato sta preparando nei dettagli i contributi del 2008 ma si può lavorare sui dati del 2007 che evidenziano una spesa di quasi 37 milioni di euro di contributi superiori ai 100 mila euro. Il 31,5 per cento di questi fondi regionali si concentra tra i 100 e i 250 mila euro. In tutto si tratta di 26 enti che si dividono 11,6 milioni. Sedici associazioni (il 24,7%) ricevono un sostegno tra i 250 e il mezzo milione per complessivi 9,1 milioni. Sei tra enti ed associazioni ricevono contributi fino ad 1 milione di euro per 10,5 milioni totali. Mentre 3 enti superano il milione e assorbono 5,6 milioni.

Ma di quali enti si tratta? L’associazione culturale Castello di Rivoli ha una convenzione che nel 2007 prevedeva un contributo regionale di 2 milioni e 160 mila euro. La Fondazione Film Commission 2,5 milioni, la fondazione circuito teatrale del Piemonte 900 mila euro. La Regione ha una convenzione che vale 800 mila euro con la fondazione internazionale del cavallo di Venaria; la fondazione Teatro Piemonte riceve 1,5 milioni. E poi c’è l’associazione Yoshin Riu (280 mila euro per le arti visive), l’associazione culturale Marcovaldo di Caraglio riceve 700 mila euro; 214 mila vengono destinati all’associazione Museo Ferroviario Piemontese, 200 alla Libra di Biella; 260 mila all’associzione Qunat Arte e spettacolo; 600 mila per le Settimane Musicali di Stresa. E poi l’associazione Apriticielo di Pino Torinese (200 mila euro) e il Comitato per la Biblioteca digitale dell’informazione Giornalistica (300 mila euro). E ancora: 882 mila euro per la fondazione Teatro ragazzi. E tra le convenzioni ci sono quella con il museo Nazionale della Montagna (220 mila euro), con Fitzcarraldo (220 mila euro), 500 mila euro con la Fondazione Fiera del Libro, 300 mila euro per la fondazione Sandretto.