Caselle in caduta libera

Di   4 Novembre 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Vittorio Bertola

Per chi se l’è perso, da ieri mattina l’aeroporto di Torino è bloccato dallo sciopero a oltranza degli operatori dell’handling – in parole povere, quelli che caricano e scaricano le valigie dagli aerei. A Caselle questo lavoro è svolto da due società, che in regime di (molto teorica) concorrenza si dividono gli appalti delle varie compagnie aeree; una è Aviapartner, belga e leader di mercato; l’altra è Sagat Handling, ossia l’aeroporto stesso, che come certamente saprete (almeno se leggete questo blog) è di proprietà a maggioranza degli enti locali con una consistente minoranza di Benetton, che di fatto ne detta le politiche di gestione.

Lo sciopero deriva dalla decisione di Aviapartner di licenziare 24 lavoratori, a fronte del continuo calo del traffico aereo e del fatto prossimo venturo, non ufficiale ma evidente, che, dopo la recente entrata di Air France in Alitalia, alla prima occasione l’appalto dei francesi verrà riunificato con quello degli italiani e passato dunque da Aviapartner a Sagat Handling. La decisione è stata annunciata ad agosto con decorrenza 2 novembre; da allora nessuno ha trovato una soluzione per ricollocare i lavoratori – anzi, a dire il vero, nessuno ci ha nemmeno provato; hanno tutti messo la testa sotto la sabbia – e così, all’ultimo giorno, è partito lo sciopero selvaggio, che ha coinvolto anche i colleghi dell’altra società (prima tutti, poi una parte); sciopero che continua tuttora.

Lo sciopero è davvero selvaggio: senza nessun preavviso (anche se tutti conoscevano benissimo la situazione) e senza nessun riguardo per i viaggiatori; sono bloccati anche i voli di continuità territoriale per la Sardegna, in teoria garantiti per legge in ogni caso. Gli unici che sono stati fatti partire senza problemi, solo con un paio d’ore di ritardo, sono i miliardari calciatori della Juve, in un vero episodio di lotta di classe a rovescio: gli scioperanti evidentemente non hanno retto al fascino di Del Piero e compagni e sono stati straziati dall’idea che essi dovessero dirigere le proprie Porsche alla volta di Malpensa – una prospettiva disumana che li ha convinti a interrompere lo sciopero solo per loro – ma non si sono fatti problemi a lasciare a terra a tempo indeterminato famiglie con bimbi piccoli, anziani, disabili, malati, persone con gravi esigenze familiari e così via, oltre naturalmente a migliaia e migliaia di lavoratori e turisti di ogni tipo.

Le compagnie aeree si sono arrangiate; qualcuno ha cercato invano di convincerle che, come da eleganti brochure, la Regione Piemonte dispone di un “sistema aeroportuale integrato” che permette di redirigere i voli sul modernissimo aeroporto di Cuneo-Levaldigi, dato che chiunque l’abbia mai visto sa che basterebbe un medio volo per Roma con un centinaio di passeggeri a bordo a mettere in crisi le risorse dello scalo per un paio d’ore. Dunque, tutti a Malpensa: una prospettiva che ormai per i torinesi in cerca d’aereo è diventata la normalità.

Sarebbe facile prendersela con questi lavoratori, ma anche ingeneroso – vorrei vedere voi, con la prospettiva di finire in mezzo a una strada. Tuttavia, anche se sono uno strenuo difensore della libertà di manifestare – in Italia sempre più minacciata – non posso che dire che un modo di fare del genere è inqualificabile, e certo non contribuisce né a migliorare la situazione – dopo due giorni del genere, quanta gente la prossima volta volerà da Malpensa o prenderà l’alta velocità per Roma? – né a costruire simpatia per la causa degli scioperanti; simpatia già indebolita da confronti come quello capitato a me, inconsapevolmente, prendendo il mio bagaglio a Bergamo.

Tuttavia, è tutto il sistema che ha fallito. Il nostro aeroporto è alla frutta, dopo anni di gestione incompetente, sonnolenta, viziata da logiche che non c’entrano nulla con lo sviluppo dell’infrastruttura e del territorio. Siamo in teoria la quarta città d’Italia, ma il nostro aeroporto a settembre è stato solo il quindicesimo per traffico; scali come Bologna, Pisa e Catania fanno quasi il doppio del traffico di Caselle. Chi non gira non è abituato, pensa che sia normale dover andare in un’altra regione per prendere un aereo se non si va a Roma o nelle maggiori capitali europee; e invece ormai le low cost sono ovunque e fanno crescere il traffico internazionale da e per le varie città, sia per turismo che per affari, promuovendo pesantemente l’economia del territorio e risparmiando a chi ci abita ore di trasferimento su e giù per le autostrade italiane.

Ovunque, tranne che a Torino. Solo quest’anno Ryanair ha aperto nuove basi in Italia a Bari, Brindisi, Pescara, Trapani… basi che significano personale di stanza sul posto e una copertura significativa di rotte verso il mondo. A Caselle gli irlandesi ci stanno provando da anni, ma sono i nostri luminosi dirigenti e politici cittadini a non volerli, limitandosi ogni tanto a qualche conferenza stampa e poi millantando la necessità di un “bando di gara” per una base low cost, che però giace in perpetua preparazione da anni. In compenso, in poche settimane sono riusciti a far avere sei milioni di euro di fondi regionali ad Alitalia (guarda caso, di Benetton e simili) per aprire 4-rotte-4 di quelle che si pagano da sole, e neanche tutti i giorni.

E’ chiaro che se le scelte e le capacità sono queste, se lo stile di gestione è all’italiana – nessun investimento per crescere, “fin che la barca va”, l’importante è il posto sicuro e lo stipendio di giada, soddisfiamo innanzi tutto gli amici e gli amici degli amici, eccetera -, il risultato è un progressivo calo di passeggeri, che vuol dire posti di lavoro in meno e opportunità in meno per tutta la città; e così, alla fine, quando proprio non se ne può più fare a meno, i nodi vengono al pettine; e scatta la lotta al coltello per le poche risorse rimaste.