Soria: 5000 euro al mese per le piccole spese

Di   27 Gennaio 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Repubblica

Le spese quotidiane. Nella contabilità delle false fatturazioni tra il “Grinzane” e le società intestate al coimputato Carmelo Pezzino (“Territori del frè”, “Com’media”), compaiono decine e decine di pagamenti di 7200 euro l´uno. Secondo Pezzino, si tratta di un calcolo preciso tenuto conto dell´Iva, per assicurare a Soria ogni mese 5mila euro per le spese personali. Pezzino è esplicito: “Tutte le fatture da 7200 euro venivano emesse per le prestazioni di consulenza che ho indicato, poi di fatto io il pagamento lo restituivo in contanti a Soria, detratta l´Iva”.

I pm non hanno dubbi: “Avviene ogni mese, dal 2004. Hanno tutto l´aspetto di un vero e proprio stipendio”. Soria dà invece la sua versione: “C’era una piccola cassa per le mie spese personali, una sorta di “cassa del presidente”. Per le spese di casa, invece c´era un´altra cassa diversa”. Ma quali erano queste spese? L´imputato risponde così: “Il cibo e i vestiti… quei pochi che mi compro…”. Il patrimonio personale. “Da che cosa è rappresentato il suo patrimonio immobiliare?”, incalzano i pm. Soria fa l´elenco: “C´è l´alloggio di Torino, quello di Ospedaletti, quello di Parigi e queste soffitte in via Gaudenzio Ferrari e in via Riberi… E casa mia a Costigliole d´Asti. A Parigi è in pieno centro, 78 metri quadrati nei paraggi di Notre-Dame. L´ho pagato 600mila euro e ho fatto un mutuo di 300-400mila euro che ho pagato in 10 anni”.

Un altro finanziamento (restituito con rate mensili di 5mila euro) arrivò per Ospedaletti, mentre per l’appartamento di via Montebello 21 il mutuo fu di 700mila euro con rate mensili di 7 mila. Si stupiscono i magistrati, ma Soria ribatte: “Non ho mai usato soldi dell´associazione per pagare quei mutui”. I “marchi” del Premio. Rendono al professore “150-160 mila all´anno. Sono intestati a me e le royalties sono tutte mie”. Il pm che interroga commenta così: “Al Grinzane, dunque, tutte le spese e a lei invece gli utili…”. La vita di tutti i giorni. Due domestici e una donna che segue la madre, le spese di casa e per il cibo, le uscite per gli immobili di Parigi, Ospedaletti e Costigliole d’Asti. E le rate dei mutui.