Un Ipad Malinconico

Di   3 Febbraio 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Franco Abruzzo riporta una intervista al Carlo Malinconico presidente Fieg

Come si stanno preparando i giornali per sbarcare sull’iPad?
L’arma più efficace che abbiamo è senza dubbio la qualità. Proprio leggendo in questi giorni, su vari quotidiani, il livello degli approfondimenti e delle inchieste sul lancio del nuovo computer di Apple, uno su tutti l’intervento su l’Unità firmato Serge Latouche, mi sono convinto che questa sfida si può vincere.
Si vince anche lasciando le notizie gratuite sul web?
No, in qualche modo, quella qualità, quel livello di ricerca e accuratezza che si richiede ai giornali deve essere remunerato.
Come?
Magari proprio con le modalità dell’Apple Store con cui tanti produttori di musica stanno vincendo la battaglia contro la pirateria, oppure con una tesserina prepagata a scalare che riunisca i servizi di tutti i principali siti internet di notizie.
La pubblicità ancora non basta?
Ancora no, per ora è una prospettiva, interessante, ma ancora non pienamente sviluppata.
Ma un giorno si rinuncerà alla carta?


Forse sì, ma quel giorno è ancora lontano. Per ora un quotidiano è ancora molto più leggero dei 600 grammi dell’iPad.
La flessibilità che gli editori chiedono ai giornalisti non mette a volte a rischio la qualità degli articoli di cui parlavamo all’inizio?
Penso che con il ricambio generazionale sarà inevitabile che i giornalisti abbiano più facilità ad esprimersi con i vari linguaggi multimediali, ma è senz’altro importante che insieme, editori e giornalisti, collaborino, al di là delle divisioni del momento, per far aumentare la qualità della stampa e far sì che l’iPad non sia solo un bel giocattolo da portare in giro.