Sodoma digitale: l’opacità dell’algoritmo di Google, la limpida trasparenza di FIEG

Di   28 Agosto 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

A leggere con cura le parole dell’istruttoria contro Google News

FIEG denuncia che Google News aggrega i contenuti giornalistici di una molteplicità di editori secondo criteri non pubblici regolati da un algoritmo coperto da segreto industriale. Le pratiche tecnologiche con cui Google forma i propri indici (ranking) dei contenuti riportati su Google News Italia e i propri indici di risposta alle queries degli utenti non sono trasparenti. In particolare, Google determina la presenza ed il posizionamento degli articoli riportati sul portale Google News Italia determinando unilateralmente la visibilità degli annunci e il livello di preminenza dato ad alcuni rispetto ad altri, potendo favorire un soggetto a scapito di un altro

Si dimostra che la FIEG si sta arrampicando sugli specchi mischiando contenuti, algoritmi, pubblicità e altro ancora in un modo degno del mago Silvan. Invece di assalire il fortino di internet con gli avvocati, meglio sarebbe stato anni fa comprendere le potenzialità del nuovo strumento, come hanno fatto degli editori veri.

In particolare è incredibile che la FIEG parli di trasparenza, quando le possibilità che hanno oggi gli editori di stare economicamente in piedi derivano da un mondo opaco dalla presenza nelle redazioni di situazioni di scarsa trasparenza, sfruttamento, posizioni di cartello, lobby, finanziamenti pubblici e quant’altro.
Un piccolo grande mondo opaco da cui deriva un bene prezioso per la collettività: l’informazione.