Il crollo di Wall Street, ma era in parte un errore umano

Di   6 Maggio 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Ilsole24Ore qui Via WallStreetItalia

Finale di seduta al cardiopalma a Wall Street, dove i listini a poco più di un’ora dal termine, forse per un errore in una grande istituzione finanziaria, sono finiti in una spirale negativa che ha portato il Dow Jones a cedere quasi mille punti (998,5 punti per la precisione), il 9% circa, scivolando al di sotto della soglia dei 10.000 punti prima di recuperare improvvisamente terreno. Gli investitori hanno comunque ceduto alla paura scatenata dalla crisi in Grecia e al timore che la ripresa economica possa essere messa a rischio: nel giro di pochi minuti un’ondata di vendite ha colpito Wall Street, mentre i trader seguivano le proteste in corso sulle strade di Atene. Per alcuni minuti, prima di recuperare terreno, i listini erano arrivati ad annullare i guadagni di un anno, registrando il peggiore calo giornaliero dello stesso periodo.

I rumors della Borsa individuano in Citigroup la società all’origine dell’errore materiale che avrebbe innescato il crollo del Dow Jones di oltre il 9%, recuperato in chiusura. Un trader nell’ordine di vendita avrebbe digitato una ‘b’ di billion al posto di una ‘m’ di million mandando in tilt il sistema ma, soprattutto, facendo scattare il panico sui mercati di tutto il mondo. La banca ha fatto sapere di aver aperto un’inchiesta interna.