Rue 89 diventa cartaceo e va in edicola

Di   13 Maggio 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via LSDI

Rue89

Un nuovo esperimento di passaggio dal web alla carta vedrà protagonista Rue89, il sito online francese di informazione, che a partire dal mese prossimo dovrebbe arrivare in edicola con un mensile.

La rivista, secondo Journalismes.info, si chiamerà Rue89 e dovrebbe essere messa in vendita al prezzo di 5 euro. In un centinaio di pagine raccoglierà gli articoli più interessanti pubblicati sul sito web, oltre a infografie, foto e contenuti prodotti specificamente per la carta, come segnala CB News.

Rue89 spera di vendere in edicola fra le 15 e le 20.000 copie, mentre il punto di equilibrio si dovrebbe situare intorno alle 13.000 copie. Su un milione di euro di fatturato annuo della testata, il 55% proviene dalla pubblicità, il 20& da prestazione di servizi e il 25% dall’ attività di formazione per le imprese editoriali lanciata l’ anno scorso. Se tutto andrà bene, come spera il direttore di Rue89, Pierre Haski, l’ attività editoriale dovrebbe andare in pareggio alla fine di quedst’ anno e raggiungere l’ attivo nel corso del 2011.

Sempre per la serie chi sa fare informazione in rete crea occupazione

Come AOL, che non taglia nelle redazioni e punta al giornalismo di qualità, anche il numero uno dei siti di in formazione Usa, Yahoo, va controcorrente e imbarca giornalisti e blogger, e non dei minori. Il redattore in capo per i blog, Jamie Mottram, ha confermato nei giorni scorsi al New York Observer di averne già reclutato una dozzina per l’ avvio in estate di una serie di blog, soprattutto su politica, sport, spettacolo, finanza e società.

“Investiamo in un contenuto originale per attirare dei lettori che altrimenti non ci utilizzerebbero – spiega Mottram -. Non si tratta di notizie di agenzia che hanno tutti, ma sarà la nostra voce diversa, sono le nostre piume”. Con più di 40 milioni di visitatori unici al mese – spiega Mediawatch – , Yahoo News supera largamente la CNN (38,7 milioni) e con ricavi per 1, 6 miliardi di dollari nel primo trimestre di quest’ anno, Yahoo ha i mezzi per assoldare dei giornalisti e dei blogger indipendenti contenti di trovare una confortevole stabilità.