Anche il PD licenzia

Di   16 Agosto 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via ZeusNews

La chiusura di Red Tv non ha fatto notizia come la casa di An a Montecarlo, ma in fatto di coerenza fra il dire e il fare nelle forze politiche non c’è molta differenza. Red Tv, la web-tv fondata da Massimo D’Alema, con sede a Roma a Palazzo Grazioli (erano vicini di casa di Berlusconi) ha licenziato i suoi 7 redattori superstiti, già da mesi in contratto di solidarietà e per i quali il sindacato spera di avere in autunno la cassa integrazione in deroga.

Il vicedirettore di Red Tv, il noto blogger e giornalista Mario Adinolfi, ha stigmatizzato duramente l’atteggiamento del Pd (che in pratica è l’editore della tv on line) e l’indifferenza con cui i maggiori esponenti di questo partito (che dovrebbe essere al servizio dei lavoratori e della libertà di stampa) hanno accolto e non commentato il fatto.

Dal 1 agosto la sede è stata occupata per qualche giorno dai redattori, provocando l’intervento della polizia, preoccupata non tanto per loro ma per la sicurezza dell’importante “vicino” Berlusconi. Red Tv era nata dopo il successo di Obama alle elezioni americane, che aveva vinto grazie alla mobilitazione della Rete. Un entusiasmo raffreddatosi presto.