I grillini propongono di pagare il riconteggio con i loro rimborsi

Di   26 Agosto 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Lastampa.it

Si potrebbe definire «beneficenza democratica». I grillini del Movimento 5 Stelle, di fronte allo stallo del riconteggio delle schede elettorali per mancanza di fondi, hanno deciso di lanciare una provocazione mettendo a disposizione i propri rimborsi elettorali per dare il via alle operazioni.

«Siamo per la legalità – scrive il gruppo consiliare composto da Davide Bono e Fabrizio Biolè – riteniamo quindi inaccettabile che una sentenza non possa trovare esecuzione per mancanza di denaro ed è altresì grave che occorrano mesi per stabilire se la giunta attualmente in carica sia legittimata o no a governare il Piemonte». I grillini hanno annunciato, quindi, che chiederanno al Ministero dell’Economia di destinare i propri rimborsi elettorali, 132.000 euro, a cui già avevano rinunciato a suo tempo e auspicano che i partiti che i rimborsi li hanno presi (il riferimento è ai 900 mila euro del Pdl e gli oltre 800 mila del Pd) facciano lo stesso integrando la differenza.

Per ora nessuno dei due grandi partiti ha ufficialmente risposto, ma l’iniziativa dei grillini rischia di scavalcare chi, soprattutto il Pd, negli ultimi giorni ha denunciato a gran voce ostacoli e rinvii nell’esecuzione della sentenza del Tar Piemonte.