Una zuppa primordiale in laboratorio al Cern

Di   27 Novembre 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Adn Kronos

Nuovo successo al Cern di Ginevra. Lhc, la più potente macchina della scienza mai costruita dall’uomo, ha infatti ricreato in laboratorio la ‘zuppa primordiale’, quel pizzico di materia esistita nei primi istanti di vita dell’Universo successivi al Big Bang.

L’annuncio è arrivato oggi dal Centro Europeo di Ricerche Nucleari di Ginevra. “Durante i run di queste settimane con ioni pesanti, è stato osservato per la prima volta dall’esperimento Atlas il fenomeno del jet quenching, probabile indizio -afferma l’Infn- della produzione in laboratorio della zuppa di quark e gluoni che costituiva l’Universo primordiale, il cosidddetto Quark Gluon Plasma” “Solitamente – spiega Leonardo Rossi, responsabile Infn dell’esperimento Atlas – le collisioni producono getti di particelle in modo simmetrico in tutte le direzioni”.

“L’osservazione di jet sbilanciati non è spiegabile con la fisica conosciuta fino ad ora. Questa asimmetria – aggiunge – potrebbe essere dovuta alla formazione del plasma di quark e gluoni che attenua i getti di particelle che lo attraversano”. Questo risultato, in corso di pubblicazione su Physical Review Letters, costituirebbe la prima dimostrazione della possibilità di riprodurre ad Lhc le condizioni fisiche dei primissimi istanti dell’Universo. “L’esperimento Alice – sottolinea l’Infn – aveva pubblicato gia’ nelle scorse settimane i primi risultati sulle collisioni di ioni pesanti, mentre l’esperimento Cms, che ha osservato a sua volta il fenomeno del jet quenching, si prepara a pubblicare i suoi risultati”.