Decodificare i concetti: il nuovo TorinoSette

Di   7 Settembre 2012
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

La presentazione del nuovo TorinoSette

Perché così è il giornale che state leggendo: un giornale completamente rinnovato, eppure fedele alla sua ultraventicinquennale tradizione. Le novità cominciano dalla collocazione al centro del quotidiano, che fa di «TorinoSette» una componente ancor più integrata al grande servizio informativo reso da «La Stampa». L’altra rivoluzione che salta agli occhi è la veste grafica: ancora più moderna, più elegante, più piacevole, più immediata. Con questa scelta, «TorinoSette» conferma la sua vocazione di essere e restare la guida esauriente e sicura a tutto ciò che di bello, di interessante, di divertente offrono, nel campo della cultura, dello spettacolo e del tempo libero, Torino e la sua provincia.

Ma l’autentica svolta riguarda l’informazione on line: le agende di «TorinoSette» da questa settimana passano in rete, per venire incontro alle esigenze di un pubblico che ormai cerca principalmente sul web quel genere di informazione puntuale e «di servizio». Il sito www.torinosette.it diventa, da questa settimana, l’irrinunciabile guida per vivere Torino. Lì i lettori ritroveranno tutte le tradizionali agende che hanno imparato ad apprezzare nella versione cartacea: da quella degli appuntamenti a quella della musica classica, da quelle del pop&jazz e del nightclubbing a quelle del teatro, del cinema, dell’arte, della provincia, dello sport, e tante altre ancora.

Ovvero

Fosse stato per noi avremmo continuato a fare il bolide cartaceo di TorinoSette  infarcito di pubblicità tanto da renderlo illeggibile che però ci teneva su la baracca  Visto però che non tira piu la pubblicita e che la carta costa sempre di più abbiamo dovuto fare una versione molto più ridotta, fascicolata dentro il giornale e non autonoma. Poi visto che che dobbiamo tentare cose nuove per salvarci abbiamo messo online le nostre agende che però sono consultabili solo da un esperto di database. Il mondo spero ci ringrazierà.