Vittorio Pasteris

Parole Fatti Pensieri

header


Um marzo magico per gli accessi ai siti online di informazione, ma c’è qualche trucchetto

* 7 aprile, 2013 * Internet, Media, Multimedia * 0 commenti

Via Blitzquotidiano

Dagospia.com, con 104 mila utenti unici nel giorno medio e 743 mila nel mese, è stato, nel febbraio 2013, il sito d’informazione più letto in Italia. Il primato riguarda i siti che hanno solo l’online, escludendo cioè i siti collegati a testate cartacee, dove invece domina la gerarchia dettata dalla diffusione nazionale, con in testa Repubblica e Corriere della Sera, e territoriale (la Stampa) .

Nel febbraio 2013 ottimi risultati di crescita ci sono stati anche per il Post e Blitzquotidiano, come rilevano i dati di Audiweb, che monitora il traffico dei siti internet italiani e che sono stati pubblicati dal quotidiano Italia Oggi. Dati incoraggianti in un mese segnato da eventi particolari (dalle dimissioni del Papa alle elezioni) che hanno fatto registrare un generale aumento della fruizione di informazione online da parte degli utenti. Il Post, con 80 mila utenti unici nel giorno medio, “ha più che raddoppiato”, rispetto a gennaio, mentre Blitzquotidiano è passato a 58 mila utenti unici a febbraio (un milione nel mese) dai 31 mila di dicembre.

Continua la lettura

L’impatto del web sul sistema dell’ informazione sarà nel complesso positivo

* 11 febbraio, 2013 * Media * 0 commenti

Via Lsdi.it

Anche se tre giornalisti italiani su 4 sono convinti che molti mezzi e molte testate tradizionali andranno in crisi o chiuderanno e se i pessimisti circa gli effetti negativi di Internet sull’ occupazione dei giornalisti (39%) superano lievemente gli ottimisti (34%), l’ impatto del web sul sistema dell’ informazione sarà nel complesso positivo.

È quanto emerge da uno studio realizzato da Astra Ricerche e presentato in occasione dei 50 anni della legge istitutiva dell’ Ordine dei giornalisti, celebrati il 7 febbraio  a Roma con il convegno sul tema “Giornalisti: mezzo secolo di Ordine tra etica, professionalità e cambiamento”.

L’estratto della ricerca

Spam, il meglio del web salvato e distribuito su carta

* 15 ottobre, 2012 * Internet, Media * 0 commenti

This is for everyone

* 29 luglio, 2012 * Internet, Pensieri * 0 commenti

Sir Tim Berners Lee guest star alla cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi di Londra con il suo storico twitt in diretta This is for everyone. Quando si usa la storia della scienza e della tecnologia nella maniera migliore.

Vent’anni fa il primo sito web

* 5 agosto, 2011 * Internet * 0 commenti

Via AGI

Come sarebbe il mondo oggi senza Google, Wikipedia, i vari Facebook e Twitter, e poi i siti di informazione, Youtube, in una parola senza Internet? Il world wide web, letteralmente “la ragnatela vasta come il mondo”, cioe’ Internet come lo sconosciamo adesso, compie 20 anni: risale al 6 agosto 1991, infatti, la pubblicazione online del primo sito web, che per la prima volta apriva il suo indirizzo con le fatidiche “www”, acronimo appunto di world wide web, inaugurando una svolta epocale che, secondo Nicholas Negroponte, “meriterebbe il Nobel per la Pace”. Se l’origine di Internet risale agli anni ’60, con Arpanet, finanziato dal ministero della Difesa degli Stati Uniti, e’ nel 1980 che le reti (utilizzate a scopi militari e scientifici) iniziano ad essere connesse insieme tramite protocolli specifici. Ma e’ il 6 agosto 1991, presso il Cern di Ginevra, che il web vede la luce: il ricercatore Tim Berners-Lee aveva definito il protocollo HTTP, che permette una lettura ipertestuale dei documenti, in pratica il sistema che ci consente di saltare agilmente da una pagina all’altra, letteralmente “navigando” sulla rete.

Continua la lettura

A Torino il primo museo del Web ?

* 10 dicembre, 2010 * Internet, Piemonte * 0 commenti

Via Lastampa.it

L’idea è di quelle, come hanno fatto notare ieri in Comune, in grado di restituire ancora una volta a Torino il ruolo di apripista: stavolta sarà la prima città italiana in grado di inaugurare un museo dedicato a Internet. Ma non è tutto. Questa «pinacoteca sorvegliata dalla chiocciola del Web» che esporrà computer e mouse sarà sistemata a due passi dal Museo del Cinema e dal Museo della Radio. Tutto questo si deve a un’idea dell’imprenditore Marco Boglione, autentico appassionato d’informatica che nutre lo stesso «fanatico» sentimento per la sua città. E così, dal momento che giusto pochi giorni fa è riuscito a mettere le mani – pagandolo 156 mila euro da Christie’s – sul primo computer della storia firmato Apple, ha deciso di esporlo insieme con altri pezzi della sua singolare «@-collezione» nel primo museo tutto dedicato a Internet.

Sino a qualche giorno fa, però, l’idea di allestire una mostra permanente sulle origini del Web era soltanto un auspicio, bello, ma ancora solo teorico. Da lunedì scorso invece c’è anche la location, che più azzeccata non si potrebbe: si tratta del Teatro Scribe, che da anni, essendo ridotto a un cumulo di macerie, rappresenta un grande problema per il Comune, e in seconda battuta per il Museo del Cinema e per la Rai. Ed è proprio con alcuni vertici Rai che lunedì scorso si è incontrato l’imprenditore Marco Boglione. A loro – che sono i proprietari del Teatro Scribe – l’imprenditore ha sottoposto la suggestiva proposta di ambientarci un museo tutto dedicato a Internet.

Lunga vita al web dal suo creatore

* 19 novembre, 2010 * Internet, Pensieri * 0 commenti

Tim Berners Lee via Scientific American

The Web as we know it, however, is being threatened in different ways. Some of its most successful inhabitants have begun to chip away at its principles. Large social-networking sites are walling off information posted by their users from the rest of the Web. Wireless Internet providers are being tempted to slow traffic to sites with which they have not made deals. Governments—totalitarian and democratic alike—are monitoring people’s online habits, endangering important human rights.

If we, the Web’s users, allow these and other trends to proceed unchecked, the Web could be broken into fragmented islands. We could lose the freedom to connect with whichever Web sites we want. The ill effects could extend to smartphones and pads, which are also portals to the extensive information that the Web provides.

Continua la lettura

Una nuova candidatura realistica per un Nobel per i creatori di internet

* 15 ottobre, 2010 * Internet, Pensieri * 0 commenti

Dopo le polemiche per la candidatura al Nobel per la pace ad internet, cominciamo con una proposta più concreta e più adatta al format del premio Nobel.

Il Nobel per la pace viene assegnato a persone o enti: per questo può avere un senso proporre per il premio o Robert Kahn e Vinton Cerf , ideatori di TCP-IP e a Tim Berners-Lee e Robert Cailliau, ideatori del WWW. A dire il vero tutti e quattro potrebbero ambire anche a un Nobel per la fisica !

Possiamo provarci ?