Altri numeri: il cittadino e internet

Di   17 Gennaio 2008
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Lastampa.it

Nei Comuni italiani ci sono abbastanza computer ma i servizi informatici sono ancora molto carenti a causa dell’inefficienza. Le tecnologie non mancano, gli uffici sono cablati, ma i servizi offerti online sono ancora poveri e i sistemi sono poco integrati: lo afferma un documento dell’Ocap, Osservatorio sul cambiamento delle amministrazioni pubbliche della Sda Bocconi, i cui risultati sono stati diffusi oggi.

Nel 60% dei Comuni con più di 40.000 abitanti il rapporto tra computer e dipendenti è ormai di uno a uno, il 66,4% ha un sito internet da almeno cinque anni e praticamente in tutti i casi (98,4%) almeno l’edificio principale è cablato, dice il rapporto dell’Università Bocconi.

Non è perciò la dotazione tecnologica il problema che impedisce agli enti locali italiani di sfruttare tutte le potenzialità della rivoluzione informatica, “I veri problemi stanno in un backoffice frammentato, che si riflette in una scarsa integrazione dei processi e in una limitata offerta di servizi on line ai cittadini”, dice lo studio.