L’uomo da 5 milardi di euro

Di   27 Gennaio 2008
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

I problemi politici italiani hanno tolto spazio nei media alla notizia apprentemente incredibile, ma concretamente verissima che un broker francese della Societe Generale ha frodato alla sua azienda 4,9 miliardi di Euro: il prodotto interno lordo di una paese in via di sviluppo.

L’elettrochock nella società francese raccontato da Le Monde

Jeudi 24 janvier à 8 heures : un communiqué de la Société générale est diffusé dans les rédactions. La troisième banque française dévoile une perte record de 7 milliards d’euros, dont 4,9 milliards attribués aux agissements frauduleux d’un trader. Cette annonce fait l’effet d’une bombe. Mais l’accent est surtout mis sur la “fraude exceptionnelle” commise par un trader “courant 2007 et début 2008” et découverte le dimanche 20 janvier. La première dépêche AFP publiée à 8 heures évoque d’ailleurs immédiatement cette fraude dont l’ampleur est sans équivalent dans l’histoire de la finance mondiale.

Il novello Arsenio Lupin del terzo millenio si chiama Jerome Kerviel (qui il suo profilo su Linkedin) ed è un broker della SG. Ecco il racconto della vicenda dal Sole 24 Ore

Un giovane trader spregiudicato, emulo di Nick Leeson, ha causato una perdita enorme, 4,9 miliardi di euro, ad una delle più blasonate istituzioni finanziarie europee, Société Générale, leader mondiale nei derivati azionari. Come sempre, la realtà è ben più inquietante e spettacolare della fantasia ed è proprio su questo prodotto, anzi nella sua categoria più semplice e primitiva, i futures sugli indici di Borsa chiamati in gergo «plain vanilla», che Jerome Kerviel, 31 anni, aveva accumulato posizioni per almeno 50-60 miliardi di euro.

Data la dimensione enorme del caso, come notano Francesco Aramando e Alberto D’Ottavi, per raccontare ai suoi lettori la conferenza stampa sulla vicenda il Financial Times ha messo on-line un ottimo live blogging

Data la dimensione gigantesca dell’ammanco ci sono altrettanto giganteschi interrogativi su possibili connivenze o coperture per far sparire una somma del genere sfuggendo i sitemi di controllo interni. In aggiunta dopo aver confessato il malandrino, i dirigenti della SG erano anche riusciti a farselo scappare, ora è stato fermato e interrogato. Ora siamo curiosi di capire che succederà

Indubbiamente il sistema finanziario globbale è un sitema che tutela il capitale e meno i risparmiatori, lo speculatore, più che il buon padre di famiglia.