Quando ti pagheranno per farti un prestito

Di   17 Dicembre 2008
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Dopo il “semitassozero”  dei Fed Funds USA Lavoce.info fa il punto della situazione

La discesa dei prezzi di oggi potrebbe trasformarsi in deflazione e aggravare così la crisi. E’ il timore di Ben Bernanke, che per questo ha portato il Fed Funds Rate quasi a zero, per dare fiato ai consumatori e agli investimenti. Ma il presidente della Fed è anche l’unico a combattere questa battaglia. Perché gli Stati Uniti sono nel periodo di transizione fra due presidenti e l’Europa si muove con una lentezza da pachiderma. Soprattutto per la posizione della Germania. Nell’economia americana, da due mesi, i prezzi scendono anziché salire come era sempre successo da decenni a questa parte. Prima, meno 1 per cento in ottobre, ora meno 1,7 per cento in novembre.

I consumatori che non hanno perso il loro posto di lavoro vedono la cosa con sollievo. E infatti alla fine di novembre hanno riempito i negozi d’America per approfittare degli sconti e dei saldi anticipati. Quest’anno, però, negli Stati Uniti le luminarie natalizie sono state accese in ottobre.

Per questo Ben Bernanke, il capo della Fed, si è spaventato. Lui che ha studiato la Grande Depressione degli anni Trenta e la stagnazione del Giappone, teme che la discesa dei prezzi di oggi si trasformi in deflazione, cioè in un processo di riduzione generalizzata dei listini che, prima o poi, indurrebbe i consumatori a spostare al domani anziché all’oggi i loro acquisti di auto, elettrodomestici e altri beni durevoli, dunque contribuendo a un peggioramento della crisi.
Ecco perché Bernanke ha deciso di tagliare il tasso di base (il Fed Funds Rate) per il mercato interbancario americano quasi fino a zero. Per dare fiato ai consumatori e agli investimenti e combattere così il rischio di deflazione.

Arrivati fino a zero, però, i tassi non potranno più scendere. Qualcuno si chiede: cosa succede, cosa farà a quel punto Bernanke, se arriva qualche altra brutta notizia e la crisi peggiora ulteriormente? Nessuno purtroppo ha una risposta certa alla domanda. Per ora Bernanke ha fatto intendere che la Fed non ha ancora sparato tutte le sue cartucce. Potrebbe infatti mettersi ad acquistare titoli pubblici a più lungo termine, in tal modo contribuendo a mantenere bassa l’aspettativa sul livello dei tassi di interesse anche per il futuro, non solo per oggi. Queste misure possono avere un’efficacia, ma sono state poco utilizzate in passato se non in Giappone.