Hasta la vista Linux

Di   13 Febbraio 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Repubblica

Pinguini di tutto il mondo, unitevi! Dopo Venezuela, Perù, Argentina e il Brasile di Lula, anche Cuba ha deciso di adottare il sistema operativo GNU/Linux per la pubblica amministrazione e per i propri cittadini. Ma non basta. Il regime dell’Havana non utilizzerà una delle tante varianti Linux già disponibili. Ne ha creata infatti una tutta sua, nome in codice: Nova.

L’annuncio è stato dato alla XIII Conferenza sulla Comunicazione e le Tecnologie che dal titolo “Nuove tecnologie: sviluppo e controllo” che si è svolta questa settimana nella capitale dell’isola. Creata dagli studenti e dai professori dell’Università di Scienze di L’Avana (UCI), Nova ha un’interfaccia grafica che trae ispirazione sia da Windows sia da Mac, e può funzionare con vecchie apparecchiature, incluso il processore Pentium II.

“Il sistema permette l’uso in applicazioni moderne e una semplice interfaccia per lavorare con macchine obsolete che ancora sono la maggioranza a Cuba”, spiega il responsabile del progetto, Angel Goñi. Aggiungendo che Nova è solo parte di un progetto politico che mira a sfuggire alle restrizioni imposte dall’embargo commerciale e finanziario degli Stati Uniti sull’isola iniziato nel 1962 e che l’adozione del software libero è cominciata già nel 2005.