Ciarpame politico

Di   21 Giugno 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Repubblica1 Via Repubblica 2

Patrizia D’Addario registra una chiamata telefonica in entrata. Si riconosce la voce del presidente del Consiglio che le chiede “come va”. La donna risponde di essere “un po’ rauca”. Il presidente, di rimando, si dice ironicamente sorpreso perché la notte precedente non ha sentito “strilli”.

Quello stesso giorno, c’è una seconda telefonata registrata. L’interlocutore di Patrizia è Gianpaolo Tarantini, l’imprenditore che le ha negato il compenso pieno (2000 euro) pattuito per la prima volta a Palazzo Grazioli (“Perché non ero rimasta”, spiega lei nella sua intervista al “Corriere della Sera”). La D’Addario è arrabbiata. Dice di aver ricevuto soltanto “una tartarughina” per la notte e chiede conto dei 2000 euro.

Alle registrazioni si accompagnano, come detto, anche delle fotografie, scattate dalla D’Addario con il suo telefonino all’interno di Palazzo Grazioli. Di queste, “Repubblica” ha avuto conferma solo di un dettaglio, per altro anticipato dal Corriere della Sera, due giorni fa. Vale a dire, un’immagine che ritrae la foto incorniciata di Veronica Lario. Le altre istantanee – per quanto è dato sapere al momento – ritraggono altrettanti dettagli delle stanze della residenza privata del presidente del Consiglio.

Barbara Montereale ha 23 anni. È di Modugno. È una bellissima madre single di una bimba di un anno e tre mesi. Sull’avambraccio sinistro ha tatuato: “Sbagliare e soffrire”. Ha vissuto per un periodo a Milano con un uomo che, all’epoca era bodyguard di Domenico Dolce.

“Lavoro come modella in un atelier per abiti da sposa”, dice Barbara. Ha partecipato a “Uomini e donne” e – aggiunge – ha fatto altre comparsate in tv. “Quando ci riesco faccio la ragazza immagine. Per esempio sono stata Billionerina per tre anni. Ricordo che Fede mi promise di fare la Meteorina. Ci tengo però a dire che non sono una escort”.

È Barbara “l’amica modella” con cui Patrizia, nel novembre del 2008, entra a Palazzo Grazioli. È lei la ragazza che “riscontra” con la Guardia di Finanza il suo racconto. È lei che, reclutata da Gianpaolo Tarantini, incontrerà il Presidente una seconda volta, nel gennaio di quest’anno, a Villa Certosa. È lei che, ora, svela “il metodo” del Presidente.

Dunque, ve ne andate e dove?
“Io e Giampaolo veniamo riaccompagnati nei nostri alberghi. E la mattina dopo, alle 8, rientrò anche Patrizia nella stanza che condividevamo”.

Le disse qualcosa?
“Mi raccontò di aver avuto un rapporto sessuale con il Presidente. E aggiunse di non essere stata pagata. Aggiunse anche però che non le interessavano tanto i soldi quanto che lui le desse una mano con una questione che riguardava la costruzione di un residence”.