Obituary: Aurelio Benigno

Di   30 Novembre 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

E’ morto un bravo giornalista, e un uomo con la schiena dritta. Scrive L.B.

Recentemente aveva scritto «Amauri Carvalho De Oliveira. Dal Brasile alla Juve per coronare un sogno», collaborava con il Corriere dello Sport e Stadio Goal. Aveva lavorato per anni per Stampasera e poi per La Stampa, verso cui aveva, infine, avviato una vertenza legale al fine di ottenere un riconoscimento contrattuale, che la magistratura in primo e secondo grado gli ha negato. Le sentenze dei giudici della Sezione Lavoro avevano respinto le istanze presentate dall’avvocato del giornalista inquadrando il rapporto di lavoro nella natura «free-lance» della collaborazione. Benigno non si era rassegnato, e, a volte, sperava ancora, in Cassazione, di ottenere giustizia.


C’è tanta amarezza nelle lettere che Benigno ha lasciato alla sua amata Loretta e ai colleghi cui era più legato. Nei suoi messaggi c’è anche la richiesta di lasciarlo andare in pace, con dignità, possibilmente senza clamore. Lo ha scritto in punta di penna, con gentilezza, come una richiesta, garbata, che immaginava, anche questa, non accolta. Da ieri, da quando si è saputa la notizia, in suo nome piovono dolci ricordi, commosse e-mail da cuori granata (come il suo), da tanti che lo sentivano «uno di noi», indipendentemente dal colore della maglia.


Lo piangono gli amici del calcio del «venerdì» al Cus di Grugliasco e dello Sporting, dello stadio, dei blog granata, le colleghe e colleghi di Quartarete, delle emittenti, dei giornali. Si uniscono al dolore i campioni e i dirigenti di Torino e Juventus, gli «ex» con cui si prodigava a organizzare partite di beneficenza. La sua trasmissione «Toro, amore mio», giovedì sera, gli dedicherà la puntata. E Benigno subirà ancora molti «torti» da chi, pubblicamente, non smetterà di ricordarlo. Lascia la moglie Loretta e due fratelli.

UPDATE 1: purtroppo si tratta di un drammatico suicidio

UPDATE 2: il ricordo di Massimo Novelli su Repubblica

UPDATE 3: il sentito ricordo di Carlo Nesti