La pandemia da stress dei lavoratori moderni

Di   18 Dicembre 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Per tutti i lavoratori la vera pandemia moderna è lo stress, un disagio in aumento sul piano globale che raggiunge picchi di contagio nei momenti di maggiore difficoltà economica. In Italia sono già state condotte numerose ricerche, ma negli altri paesi come stanno? E soprattutto qual è la causa principale dello stress? Ora una ricerca condotta da Regus, leader mondiale di soluzioni per gli spazi lavoro ci racconta la situazione nel resto del mondo.

Regus ha commissionato uno studio globale che ha coinvolto oltre 11.000 dipendenti in 13 paesi di riferimento, ai quali è stato chiesto di descrivere l’esperienza lavorativa durante i momenti di crisi economica.

La ricerca ha certificato come la maggioranza dei dipendenti abbia sperimentato livelli elevati di stress sul lavoro, che per il 58% degli intervistati sono addirittura “aumentati” o “sensibilmente aumentati” negli ultimi due anni. Al primo posto la Cina con l’86% delle persone che ha ammesso un incremento di tale disagio mentre agli ultimi posti la Germania e l’Olanda, rispettivamente con il 48% e il 47%; percentuali che ad ogni modo rimangono alte.

Il dato più interessante riguarda però la causa che determina l’aumento dello stress: lo studio svela che per i lavoratori di Francia, Germania, USA, Paesi Bassi, Australia, Cina, Spagna, Canada, Sudafrica e India la principale fonte di stress è determinata dalla crescente attenzione nei confronti della redditività. Gli indiani i più sotto pressione con una percentuale del 44,9%.

Uniche eccezioni si registrano nel Regno Unito, dove lo stress è causato dalla paura della disoccupazione o del fallimento aziendale e in Messico dove sono aumentate le pressioni dei clienti per un servizio migliore.

Il rischio di rimanere disoccupati o di fallire è invece la seconda causa di stress dei dipendenti americani e australiani, mentre solo i lavoratori sudafricani hanno riferito uno scarso supporto amministrativo come una delle due principali cause di disagi.