Il ricordo delle chat via Skype con Cossiga

Di   18 Agosto 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Enrico Fedocci via Tgcom

Di lui, di Francesco Cossiga, da ragazzino mi piaceva la personalità, il piglio deciso, la profonda conoscenza dei segreti di Stato, la capacità di dire tutto ciò che pensava, senza ipocrisie. Ma che io potessi diventare suo “amico” tramite Messenger e Skype, questo proprio non me lo sarei mai aspettato. Già, riuscii a scoprire l’email personale del Presidente e gli scrissi una lunga lettera. Poche ore dopo mi arrivò la sua risposta.

Dopo questo incontro durato 4 ore nel suo appartamento romano, per mesi io e il Presidente Emerito abbiamo chattato parlando di terrorismo, Brigate Rosse, degli anni della contestazione. Lui mi raccontava di se stesso, a volte firmandosi, con ironia “L’EX POTENTE” o “L’EX LEADER”. I suoi argomenti preferiti? Il suo tumore, il rapporto – o meglio la sua passione – per l’Arma dei Carabinieri. Amava parlare dei suoi figli, dei loro studi. Diceva che lui e Berlusconi appartenevano allo stesso club. Il club K, ironizzando sul tumore che aveva colpito entrambi. Le videochiamate si susseguivano, soprattutto verso l’ora di cena o a tarda sera. Se ne stava seduto sulla poltrona in pelle rossa del suo studiolo, mentre guardava la televisione. Sulle gambe una coperta e uno dei suoi tanti computer portatili.

All’improvviso, mi chiamava e se, per caso, ero vestito con una maglietta poco adeguata, correvo a cambiarmi prima di rispondere, per potere conversare amabilmente con il Presidente. Notava tutto ciò che succedeva alle mie spalle. Una volta, seduto su un mobile, vide il mio gatto, un soriano tigrato che si chiamava Gianluca. Lui si interruppe e commentò: “Bel gatto!” e mi chiese di metterlo davanti all’obiettivo della webcam, per vederlo meglio. Volle sapere il nome, quanti anni avesse.
Gli piaceva parlare, raccontarsi, un po’ meno ascoltare… ma l’età gli consentiva questo ed altro. E io non chiedevo altro che ascoltare.

Una volta ricordo che si era messo in testa di andare in Parlamento vestito da Brigadiere d’Onore dei Carabinieri: voleva fare uno dei suoi interventi polemici. Ma mi disse che i suoi assistenti non volevano. Gli avevano detto: “Presidente, la fanno uscire dall’Aula se si presenta in divisa da carabiniere”. Quanto rideva di questa cosa. E lui, non contento, provocatore fino all’osso, rilanciò dicendo che aveva già telefonato all’ammiraglio Di Paola. Gli aveva chiesto di poter indossare la sua vecchia divisa da ufficiale di Marina così, in Parlamento, almeno non avrebbe spaventato i ladri come sarebbe avvenuto, invece, indossando quella da Carabiniere.
Credo che di quelle conversazioni via chat pochi sapessero. I suoi collaboratori ne erano certamente all’oscuro, i Servizi Segreti forse ignoravano che l’allora Presidente 79enne, in realtà, era ancora un “discolaccio”. Durante il nostro incontro a Roma, prima che il prefetto che assisteva Cossiga entrasse nella sua stanza, il Presidente mi disse di non spiegare come ci eravamo conosciuti. E davanti alla richiesta specifica del dottor Mosino rispose dicendo: “Fedocci è un mio amico”.
Una frase che mi inorgoglì.