Le buone intenzioni del giornalismo italiano

Di   19 Aprile 2011
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Antonio Rossano

Gli ospiti rappresentavano ai massimi livelli tutte le parti in causa, ad eccezione della Federazione degli Editori, assente. Ed in effetti una assenza che ha fatto anche comodo. Perché, di fronte alle corpose ed evidentemente giuste critiche dei giornalisti presenti che paventavano la grave difficoltà di lavorare con compensi minimi, addirittura ridicoli, la risposta del Presidente dell’ Ordine è stata quella di ribaltare, tali responsabilità sulla corporazione editoriale. E il “j’ accuse” di Jacopino è stato anche “documentato” dalla presentazione di numeri ed elenchi di giornali che sottopagavano in maniera indecorosa i propri collaboratori giornalisti. Tanto che,per un momento, se un partecipante al convegno fosse entrato in sala in quel momento, senza sapere chi era colui che denunciava, avrebbe potuto immaginare di trovarsi innanzi al più anziano dei precari italiani. E non è mancato chi, come il giornalista Marco Renzi,ha ricordato all’ Ordine la necessità di assumersi delle responsabilità e non solo di accusare gli editori.

Per fortuna era Domenica delle Palme e Vittorio Pasteris, con saggezza e simpatica ironia, ha offerto un ramoscello d’ ulivo alle parti, prima che queste andassero verso un confronto più duro. Ma non sono mancate le proposte e gli annunci di “buoni propositi”. Come quello di Roberto Natale (FNSI) che ha annunciato la presentazione di ben due disegni di legge in parlamento per la regolarizzazione dei compensi e delle attività di collaborazione e quello di Jacopino che ha preannunciato, a breve, azioni disciplinari nei confronti degli editori “cattivi”.