La RAI si è finalmente deMasizzata

Di   29 Aprile 2011
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via IlPost

Ieri l’assemblea della Consap, la società Concessionaria dei Servizi Assicurativi Pubblici, ha nominato amministratore delegato Mauro Masi, oggi direttore generale della RAI. Masi era direttore generale dal 2 aprile del 2009 ed è stato probabilmente il peggior direttore generale che l’azienda abbia mai avuto. Non solo per la scelta dei gessati e delle fidanzate legate professionalmente all’azienda pubblica che dirigeva. Ma per la comprovata subalternità alle persone che lo avevano messo lì e ai loro capricci, per l’incapacità di riconoscere e valorizzare buoni programmi e buone idee – che anzi ha ostacolato – per la generale inadeguatezza a ricoprire un ruolo che avrebbe bisogno di competenza, capacità di muoversi nel presente e immaginare il futuro, per l’inesistente visione di servizio pubblico, per le logiche clientelari con cui ha costruito palinsesti e arruolato conduttori. Quello che si è continuato a fare di buono in Rai in questi due anni lo si è fatto malgrado Masi. Il giudizio nei suoi confronti ebbe una dimostrazione esemplare nella famosa telefonata che decise di fare qualche mese fa all’inizio di una puntata di Annozero. C’è tutto: la subalternità alla politica, l’equivoco sul proprio ruolo, la mediocrità e l’improvvisazione, la sconfitta pubblica e plateale di un’iniziativa maldestra. Per il mezzo di informazione tuttora più importante per l’Italia e gli italiani non potrà andare peggio.