Qualche numero in più sui giornali online italani

Di   7 Settembre 2011
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Il giornalaio

Audiweb ha pubblicato il 05 settembre i dati di audience online aggiornati al mese di luglio di quest’anno. Complessivamente sono 26,2 milioni gli Italiani che hanno navigato almeno una volta attraverso un PC nel mese di luglio 2011, con un incremento annuo del 10%.  Nel giorno medio sono online 12,2 milioni di utenti attivi, il 12,8% in più rispetto al 2010.

Se il dato generale consente, in attesa del consuntivo di agosto, di confermare che internet non va in vacanza, il dettaglio relativo ai giornali online permette di aggiornare la visione rispetto all’ andamento di quotidiani e “superblog” proposto ad aprile, che non aveva mancato di suscitare il dibattito ed anche qualche polemica.

L’elaborazione realizzata da jumpingshark si presta a più di una considerazione sia in riferimento ai quotidiani tradizionali che, forse ancor più, ai “superblog”, a quelle fonti di informazione all digital che sono nata relativamente di recente in Italia.

Per quanto riguarda i “superblog”, ed in particolare le testate che sono a cavallo tra un quotidiano tradizionale ed un blog, purtroppo i dati sono relativi esclusivamente al numero di pagine viste. Nello specifico vengono rilevati Il Post e Lettera43 mentre non compare L’Inkiesta, il terzo delle nuove proposte editoriali di portata nazionale che hanno visto la luce nell’ultimo anno.

Sia rispetto agli obiettivi dichiarati al lancio da Lettera43 che più in generale, i nuovi player, seppur nella parzialità dei dati, “stentano”, non sembra che riescano a sfondare.

Se da un lato potrebbe esserci un tempo fisiologico di costruzione del brand da parte dei new comers che non godono evidentemente della notorietà accumulata negli anni dai player tradizionali [in primis Repubblica & Corsera come mostrano i dati], dall’altro lato potrebbe essere la conferma di come vi sia complementarietà e rinforzo reciproco di ciascun mezzo, di ciascuna piattaforma.