Donne e Media a Roma il 25 novembre

Di   11 Novembre 2011
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Vogliamo un Paese che rispetti le donne” è stato il grido di un milione di donne italiane scese in piazza a febbraio per rivendicare maggiore dignità e pari opportunità in un Paese ancora molto maschilista, dove l’apparenza conta più di qualsiasi merito, competenza professionale o qualità personale. Un Paese dove fare la velina è tra le professioni più ambite, dove grazie alla politica abbiamo imparato che cosa sono le escort e, grazie alla tv e alla pubblicità, siamo convinti che il modello femminile al quale assomigliare sia quello di una bambola di gomma tanto perfetta e lucida, quanto finta ed effimera, tanto sorridente, quanto muta e vuota.

Come si è arrivati a tutto questo? È tutta colpa dei media, della tv in particolare, e dei falsi modelli che trasmettono? O i media fanno da cassa di risonanza, amplificatori di una questione che è prima di tutto sociale e culturale, insita nel nostro vivere quotidiano e nel nostro sentire comune?

Qualunque sia la risposta è necessario parlarne apertamente, sensibilizzare l’opinione pubblica e coinvolgere i media affinchè passi un nuovo messaggio. Bisogna individuare modelli alternativi ai quali guardare, giungere a una diversa definizione e comunicazione del femminile.

Questi i temi al centro del dibattito “Donne e Media”, che si terrà venerdì 25 novembre alle ore 18.00 presso la sala Odeion dell’ Università “La Sapienza”, Piazzale Aldo Moro 5, a Roma.

Interverranno Lucia Visca, Presidente e coordinatrice nazionale del Comitato per le Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa, Giovanna Cosenza, blogger e docente di semiotica dei nuovi media presso l‘Università di Bologna, Loredana Lipperini giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica, Antonella Beccaria, giornalista, scrittrice e redattrice di LSDI e Natascha Fioretti, giornalista, coordinatrice delle attività per la donna dell’ Associazione Pulitzer e responsabile della sezione italiana dell’ European Jornalism Observatory .