Le notizie che i giornali non danno ovvero come i vecchi media nascondono le notizie ovvero giornalismo italiano, più escort che watchdog

Di   15 Settembre 2012
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Pierluca Santorio Via Lsdi

Il 5 Settembre è stato pubblicato dal World EconomicForum il Global Competitiveness Report 2012-2013, rapporto con cadenza annuale che analizza, sulla base di 12 fattori di competitività e un sondaggio d’opinione tra gli imprenditori, il livello di competitività di 144 nazioni del mondo.  L’Italia si posiziona al 42° posto a livello mondiale e, ancora una volta fanalino di coda in Europa, dopo Spagna, Repubblica Ceca e Polonia. A pesare, come mostra l’ immagine sottostante, sono soprattutto:

  • Rigidità del mercato del lavoro [127° posto] malgrado l’approvazione della recente riforma
  • Arretratezza del mercato finanziario [111° posto]
  • Diffusa corruzione, scarsa fiducia nell’indipendenza del sistema giudiziario e contesto istituzionale che fa crescere i costi per le imprese e gli investitori [97° posto]

Mentre la copertura informativa internazionale è stata sufficientemente ampia, nessuno dei dei principali quotidiani nazionali, ad esclusione del «Il Sole24Ore», che comunque gli dedica uno spazio davvero ridotto per una testata specializzata su questi temi, ha dedicato spazio alla notizia e, di conseguenza, anche blog e social media nel nostro Paese, dimostrando quanto i “new media” siano ancorati ai mainstream media [ma questo è un altro discorso], hanno diffuso e commentato l’informazione.

Sul perchè questo sia avvenuto sono lecite tutte le ipotesi, dal non voler turbare l’opinione pubblica, elemento che però non mi pare preoccupi i media su altri temi, al sostegno [quasi] bipartisan e incondizionato all’attuale governo, passando per i possibili riflessi sullo spread ed altro ancora.

Sta di fatto che la vicenda non può che turbare chi, come il sottoscritto tra gli altri, ha a cuore un’informazione libera e indipendente, e dimostra il totale allineamento del sistema mediatico sulla diffusione, o meno, di informazioni considerate “sensibili”.