Forse se ci fosse scappato il morto due righe se le sarebbero spese

Di   17 novembre 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Paola Caruso ha fermato il suo sciopero. Possiamo passare dall’emergenza all’analisi dei fatti. Ad esempio il silenzio assordante e devastante della stampa italiana sulla notizia

Via Massimo Mantellini

I giornalisti si sa, sono come i blogger. Ogni volta che possono parlano di loro stessi. Se potessimo alleggerire le pagine dei quotidiani e dei settimanali dalle interessantissime diatribe fra direttori, editorialisti, corsivisti e recensori vari ci sarebbe da salvarci mezza Amazzonia. A meno che non ci sia da discutere degli aspetti meno edificanti della professione, come per esempio del caso di una giornalista precaria che sta facendo lo sciopero della fame. Perchè in quel caso la notizia diventa immediatamente flebile e senza interesse e non merita le pagine di carta o il prezioso spazio di uno dei 400 aggettivi che ogni sera Mentana dedica a se stesso.

Via Stampacadabra

Prendere le parti della giornalista o dimostrarsi ostile è un esercizio formale che rimane tale se si è in inferiorità di dettagli precisi e conferme puntuali per argomentare le varie tesi. Se volessimo sforzarci di fornire un giudizio, è inutile ribadire quanto il precariato mini la stabilità dei giovani lavoratori, in perenne e raffazzonato equilibrio che non consente visioni lungimiranti. Certo, parlare di sfruttamento potrebbe essere eccessivo, così come mettere in discussione la buona fede della Caruso, nonostante non ci venga riferito da altri sulle sue qualità, se davvero meritasse il posto a cui ambisse. Piuttosto, è inquietante notare come nessuna testata nazionale, di quelle che affollano l’edicola, abbia dedicato due righe due alla vicenda, neppure quotidiani da sempre più attenti di altri (come Il Fatto Quotidiano) hanno dato spazio al suo appello. Quando si dice, spirito di collaborazione.