A proposito dell’enciclopedicità di Wikipedia e di Salvatore Aranzulla

Di   13 Giugno 2016
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

WikipediaIl caso in rete è l’eliminazione della pagina Wikipedia di Salvatore Aranzulla, che apre un fronte di grande interesse su che diavolo sia enciclopedico o meno e su altre cose di Wikipedia.

Sul tema cancellazione le cose concettuali corrette ed esaustive sono state scritte con conoscenza di causa e assoluto buon senso da Maurizio Codogno e cerco di riassumerle dal post di Maurizio stesso medesimo

 

Premessa: avere una voce cancellata su Wikipedia non è affatto un’onta.

Le ragioni che possono condurre alla cancellazione di una voce sono tre. La forma, vale a dire come essa è scritta: se vi lamentate della prosa di certe voci che sembrano essere compilate da ragazzi delle medie, provate a immaginare cosa viene cancellato. Il contenuto, per evitare panegirici e dèpliant che servono solo al soggetto della voce e non a chi cerca informazioni. L’enciclopedicità del soggetto: non è che si possa inserire qualunque cosa, e la comunità degli utenti ha definito alcune linee guida al riguardo

Insomma, Aranzulla è o no enciclopedico? Dal mio punto di vista il problema non si poneva. Il fatto stesso che si trovino in giro mille scherzi sulle guide che lui ha compilato per la qualunque significa che ha una sua notorietà; quindi è presumibile che ci siano parecchie persone che cercheranno qualche informazione su di lui; pertanto è logico che ci sia una voce su di lui su Wikipedia.
Attenzione! Questo non significa che la voce sia necessaria: per le informazioni credo basterebbe già visitare il suo sito. Non significa nemmeno dare un giudizio di valore, positivo o negativo, su quello che fa: Wikipedia non è l’Enciclopedia dei Personaggi Illustri

Poi però è successo che Aranzulla ha postato questo status su Facebook.

Questo status?—?che, diciamolo pure, non è stata una brillantissima idea?—?ha subito portato alcuni fan del blogger siciliano a vociare nella pagina dove si discuteva della eventuale cancellazione (è sempre questa), il che ha portato altri affezionati collaboratori di Wikipedia a rinchiudersi a riccio e vociare a propria volta.

Aggiungo poi che il tipico ragionamento di chi arriva per la prima volta a discutere e dice “perché X c’è e Y non può esserci?” non funziona: c’è una pagina di aiuto che spiega che il “ragionamento per analogia” non ha ragione d’essere.

 

Poi il caso è scoppiato su forum, facebook, twitter … dove vi pare con deflagrazione virale da ambo le parti pro e contro, poi è finito su giornali di carta, online, tg e chi più ne ha più ne metta quindi oramai si sta perdendo come succede nei rivoli della rete

Qualche piccola e modesta considerazione micro e macro

Le micro:

  • Per quel poco che ne capisco il problema di base è tassonomico. Salvatore Aranzulla va definito ad oggi prima di tutto un impreditore dato che in quanto tale ha messo su uno dei siti più visitati dell’Internet italico che è un modello industriale ed economico che in molti studiano per capire come fare soldi nell’editoria e in quanto tale a mio modestissimo parere merita di stare su Wikipedia it senza nessun dubbio. Il fatto che abbia fatto studi manageriali e non  tecnico scientifici aiuta a incalarsi nel filone concettuale.
  • Salvatore è entrato in maniera sulla vicenda su lui stesso medesimo prima nella stessa discussione sulla cancellazione, poi alimentando il tifo da stadio sulla cosa. Se il secondo atteggiamento è stato poco produttivo e positivo, il primo è interessante per quanto non obiettivo. Forse a tutela della sua presenza Salvatore ha enumerato troppi successi che potevano servire a capire il fenomeno, ma lo ha fatto in prima persona, in maniera trasparente, senza fare come altri che mandano emissari sotto mentite spoglie.
  • Sul tema Aranzulla da tempo ci sono fazioni bipolari di chi lo ama alla follia e chi lo massacra di parodie o consimili. Di questi i primi sono normalmente i tanti utenti della rete che da anni ne apprezzano le doti salvifiche del sito in caso di ricerca di qualsiasi problema informatico e tecnico. I secondi sono quelli che più spesso analizzano che cosa lui non sia, piuttosto che quello che quello lui sia ad oggi (vedi sopra).

Le macro:

  • Wikipedia è da tempo uno snodo troppo importante della cultura del nostro tempo e di quello che verrà dopo noi, di quella che si potrebbe chiamare conoscenza condivisa o addirittura opinione pubblica per potersi permettere di dover trovarsi fra wikipediani tifosi e discussioni da stadio nella rete.
  • L’intervento diretto delle parti e la mediatizzazione della discussione delle cose di Wikipedia non so quanto siano utili a una sua migliore gestione, resta il fatto che spesso una parte dei wikipediani sono percepiti dall’esterno poco inclini a discussione e critiche.
  • Forse ci vuole qualche riflessione importante dei wikipediani e dell’opinione pubblica sul ruolo di Wikipedia, su Wikipedia stessa, in Italia soprattutto, per evitare confusione.
  • A fine luglio come ogni anno ci sarà a Esino Lario la tradizionale Wikimania e mi auguro di esserci anche con Salvatore e Maurizio per discutere cosa può insegnare quello che è successo …

Aggiungo per assoluta trasparenza che:

  • Ho l’onore e il piacere umano e intellettuale di essere da tanto anni amico di Salvatore Aranzulla e di sentirlo spesso compatibilmente con salute e impegni e  di frequentarlo personalmente sull’asse Torino – Milano.
  • Ho l’onore e il piacere umano e intellettuale di essere amico di Maurizio Codogno che frequento concretamente di meno ma che cerco con piacere quando ho bisongo di capire la Rete, poi un giorno tornerà fisicamente spero a Torino e ce la conteremo di più dal vivo.
  • Ho seguito fin dall’inizio la vicenda sulle fonti (leggi la pagina di cancellazione) prima divertito e poi  preoccupato per la piega che la vicenda andava prendendo ovvero per la perdita di senso delle cose che accadevano.