Domani tutti a testa in su a cercare Alinghi nel cielo

Di   6 Agosto 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Lastampa.it

La barca che vola quando salirà in cielo farà tremare il Lago Lemano. Tanto che gli svizzeri si sono messi al vento, e per evitare danni hanno sigillato le tegole dei tetti delle case. Il gigante dell’aria, l’elicottero da trasporto più grande del mondo, il russo Mi26T (korova, letteralmente «mucca», così lo chiamano gli addetti ai lavori oltre gli Urali), sfiderà la forza di gravità: solleverà i 120 quintali del gigante del mare dando la massima potenza alle due turbine, al rotore a otto pale. Terrà il nuovo maxi-catamarano di Alinghi, destinato a difendere la Coppa America contro gli sfidanti americani di Bmw Oracle, al guinzaglio: tutto quel peso sarà affidato alla tenuta di quattro cavi. E alla forza stabilizzatrice di una sorta di parapendio, fissato a poppa come un timone, per evitare che la barca vada in «loop» orizzontale, cioè giri su se stessa.

È per domani, il volo. Straordinario, in tutti i sensi. A cominciare dal multiscafo, due gusci in fibra di carbonio lunghi 32 metri (90 piedi esatti al galleggiamento) tenuti insieme da due traverse larghe 26. Una barca completamente allestita, perché la «legge» della Coppa America impone che sia costruita interamente nel Paese della sfida, e che lo lasci integra. Salvo i timoni e l’albero: quest’ultimo, alto 52 metri, sarà trasportato da un altro elicottero, un Super Puma As 332 C1, che decollerà un’ora prima del catamarano (alle 9 l’arrivo a Genova).

Il Mi26T si leverà in volo alle 8.20 da Le Bouveret, dalle acque del lago dove è stato varato il 20 luglio scorso (era stato trasferito dal cantiere di Villeneuve, una tratta di 15 chilometri, con lo stesso elicottero). «Scalerà» le nuvole, sino a valicare le Alpi, i 2.473 metri del Colle Gran San Bernardo e quindi «scenderà» lungo la Valle d’Aosta fino Biella, dove tra le 10,20 e le 11 si «fermerà» per fare rifornimento. Quindi, ancora «giù», verso il mare: sorvolerà le risaie, le aree agricole di Casale Monferrato, Alessandria; passerà tra Acqui Terme e Ovada e «risalirà» il Turchino, per poi spuntare tra Voltri e Arenzano, già in Liguria e traguardare Genova, dove è atteso alle 13.