Nonni da 50 miliardi

Di   21 Agosto 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via Lastampa.it

nonniLe famiglie italiane risparmiano 50 miliardi l’anno grazie all’aiuto dei nonni. Preziosi come baby sitter, soccorso irrinunciabile in alcuni lavori domestici e risorsa nella bella stagione quando magari i genitori sono al lavoro e i bimbi possono allungare le vacanze estive con i nonni.

Solo grazie alla voce estiva il risparmio delle famiglie italiane è quasi di 5 miliardi. Si tratta di cifre elaborate dalla Camera di Commercio di Milano sui dati Istat 2008 e sul registro delle imprese 2009. I risparmi per 50 miliardi emergono considerando quanto sarebbe necessario spendere per stipendiare altrettante colf e baby sitter per ogni bambino. L’indagine si sofferma insomma su una società dai bisogni in trasformazione, visto che ormai tra le famiglie cittadine con bambini piccoli, quelle in cui entrambi i genitori lavorano superano abbondantemente quelle in cui c’è la madre casalinga. Non a caso il settore imprenditoriale è in decisa crescita: le imprese che si dedicano all’assistenza sociale in Italia sono 11.998 e tra il 2008 e il 2009 sono aumentate del 7,7 per cento.

A livello delle singole città, sono prime per risparmi realizzati grazie ai nonni Roma (2,6 miliardi), Milano (1,3 miliardi), Torino (900 milioni) e Napoli (780 milioni). Seguono Genova (643 milioni), Bologna (370 milioni) e Venezia (290 milioni). Stessa graduatoria anche nei risparmi estivi: è prima Roma con 234 milioni (376 mila bambini con meno di 14 anni, degli 8.367.000 in Italia), segue Milano con 115 milioni (160 mila gli ’under’ 14). L’estate col nonno offre più risparmi a Torino (81 milioni) che a Napoli (71 milioni), anche se nel capoluogo piemontese i bambini piccoli sono i due terzi (107mila) di quelli della città partenopea (157mila bimbi). I nonni, infine, ’generanò risparmi estivi a Genova per 58 milioni (con 68mila bambini sotto i 14 anni in città), a Bologna per 33 milioni (39mila i bambini piccoli) e a Venezia per 26 milioni (31mila i bimbi).