Cronaca di un disastro annunciato

Di   6 Ottobre 2009
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Messina, il rapporto shock del 2008 “Tutta l’area a rischio disastro”

Messina, il rapporto shock del 2008 "Tutta l'area a rischio disastro" La realistica previsione di quello che avrebbe potuto succedere era persino nei cassetti della Procura, agli atti dell’inchiesta aperta dopo l’alluvione del 2007 e rimasta senza colpevoli. Scrissero i tecnici della Protezione civile nella relazione consegnata ai pm nel 2008: “La causa scatenante le forti alluvioni è stata certamente l’elevata intensità di eventi meteorici, ma non può non essere presa in considerazione la leggerezza di alcune scelte territoriali, che si sono rilevate determinanti negli effetti provocati dal dissesto idrogeologico. Scelte che hanno fatto sì che il degrado dei corsi idrici del messinese diventasse un fenomeno ormai generalizzato e diffuso capace di provocare un vero e proprio disastro”.

Conclusioni che suonano come una beffa dopo la tragedia del primo ottobre il cui bilancio provvisorio parla di 700 sfollati, 24 morti, 39 dispersi, anche se il capo della Protezione civile Guido Bertolaso ha detto: “I dispersi sono nove”. Alle famiglie che hanno perso tutto, ospitate in hotel, ieri il premier Silvio Berlusconi è tornato a promettere una casa nuova dando una scadenza: “L’esperienza dell’Aquila ci offre la possibilità di prevedere che questi nuovi quartieri potranno essere realizzati in 4 o 5 mesi. Ci sarà uno stop al pagamento di imposte e tasse e dei mutui: nessun cittadino colpito da queste tragedie naturali può dire di essere stato abbandonato”.

Berlusconi ha definito una “provocazione” la richiesta di Bertolaso che ha indicato in 25 miliardi di euro la cifra necessaria per mettere in sicurezza le zone a rischio idrogeologico di tutto il territorio nazionale ma ha assicurato la destinazione “di una cifra importante per cominciare dalle zone più pericolose”. Ben undici solo nella provincia di Messina, secondo il Wwf, che ha presentato una mappa di tutte le fiumare trasformate in strade.