La Rai fa fuori anche Mineo ?

Di   13 Luglio 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Via IlPost

La voce sull’imminente allontanamento di Corradino Mineo dalla direzione di RaiNews24 ha cominciato a circolare ieri pomeriggio, quando il sito dell’associazione Articolo 21 ha pubblicato una dichiarazione del suo portavoce Giuseppe Giulietti, giornalista e vecchio esperto di cose Rai, secondo cui “nelle prossime ore gli imbavagliatori, e i loro delegati alla Rai cercheranno di mettere le mani anche su Rainews allontanando il direttore Corradino Mineo, mortificando le richieste della redazione e addirittura mettendo al suo posto un esterno gradito alla Lega”.

Alla dichiarazione di Giulietti sono seguite molte dichiarazioni ma nessuna smentita. Il centrosinistra protesta e, per bocca del senatore PD Vincenzo Vita, afferma che l’eventuale cambio al vertice di RaiNews24 farebbe sì che “per la prima volta nella storia della Rai una maggioranza avrebbe il controllo di 10 testate giornalistiche su 11, con l’aggravante di un premier proprietario dell’altrà metà dell’etere e tuttora ministro ad interim delle telecomunicazioni”. Giulietti e Vita hanno annunciato un esposto alla Corte dei conti sui metodi di gestione della RAI e “per valutare se non si sia in presenza di una truffa ai danni dei cittadini che pagano il canone e che sono sempre più privati del diritto di scelta”.

Le voci sulla sostituzione di Mineo si rincorrono da mesi, nonostante i soddisfacenti risultati ottenuti dal canale allnews della RAI in termini di ascolti e critica. Se per diverso tempo si era parlato della possibilità che a Mineo venisse affiancato un condirettore, oggi sembra certa la sua sostituzione con Franco Ferraro, oggi caporedattore di SkyTg24, che sarebbe nominato direttore in quota Lega Nord. L’imminenza dell’avvicendamento al vertice di RaiNews24 è stata confermata ieri da Alessio Gorla, che è considerato l’uomo di Berlusconi nel Consiglio di Amministrazione della RAI.