Facebook e le immagini di nudo e altri contenuti sessualmente espliciti

Di   17 Febbraio 2010
WP Greet Box icon
Benvenuto nel blog di Vittorio Pasteris ! Se vuoi essere aggiornato sulle ultime notizie di questo blog seguimi via Twitter o via Facebook o via Google+ o Iscriviti al feed RSS

Tutta da leggere l’avventura di Enrico Scarsi con Facebook

“Facebook ti aiuta a connetterti e rimanere in contatto con le persone della tua vita” Invece ti svegli un bel giorno e scopri che il tuo account di Facebook  non è più attivo, i compagni del liceo che avevi rintracciato, le foto del compleanno della tua migliore amica, quel bellissimo video trovato in rete, tutti i tuoi messaggi, tutto sparito !!!

Oppure come nel mio caso, che lo utilizzavo per “ esporre “ il mio lavoro … centinaia di fotografie e più di 4300 “ amici” scomparsi nel nulla ..più di un anno di “ lavoro “ cancellato in un clik. Cosa è accaduto ?? Cosa fare ??? cerchi di capire e trovi la risposta, l’indirizzo di posta elettronica  [email protected]

Bene ti dici, sarà un errore, un fraintendimento … scriviamo una mail e sicuramente il problema sarà risolto velocementi. Intanto ti arrovelli il cervello, quale delle sacre regole di Facebook avrò mai violato ?? avrò chiesto troppe amicizie ?? ma quante sono troppe ?? mandato troppi messaggi ?? una delle mie fotografie sarà stata ritenuta indecente ??

Fai una ricerca in rete e scopri oltretutto di essere in ottima compagnia, decine e decine di blog dove persone con lo stesso problema ..centinaia, migliaia di persone che si sono trovate ad essere disabilitate senza saperne la ragione. Bene anzi MALE questo è quello che è successo anche a me

Enrico Scarsi, Fotografo che utilizzavo appunto Facebook per esporre le fotografie che realizzo per lavoro con il mio ex profilo   facebook.com/enrico.scarsi.fotografia ora si tratta di fotografie prevalentemente di persone, di modelle, modelli  o di aspiranti tali, la fotografia più audace era quella di un servizio di body painting  dove sulle modelle era dipinto un corsetto, questa è la risposta che mi è arrivata via mail :

” Ciao Enrico, Dopo aver analizzato la tua situazione, abbiamo concluso che hai violato la nostra Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità. Le immagini di nudo e altri contenuti sessualmente espliciti non sono consentiti sul sito. Inoltre, non è consentito agli utenti inviare messaggi con allusioni ad attività sessuali o che potrebbero essere considerati molesti da parte di altri utenti. Non riattiveremo il tuo account per alcun motivo. Questa è la nostra decisione finale. Grazie per la comprensione, Ambra User Operations Facebook

SESSUALMENTE ESPLICITI ???
ALLUSIONI AD ATTIVITA SESSUALI ??

Ora le fotografie che scatto sono visibili sul mio sito, in particolare quelle “ incriminate “ alla pagina http://www.fotografico.it/modelle.htm e come esempio quelle pubblicate in questo intervento

Giudicate voi … Viene da chiedersi se si tratta di Facebook o di Talebanbook magari tra poco cancelleranno tutti gli account dei maschi che non hanno la barba e delle donne che non indossano il Burka Questa comunque , essendo noi tutti “ ospiti “ del sistema è una loro scelta, la domanda che dovremmo solo porci è Vale la pena perdere del tempo per “ coltivare” delle amicizie virtuali e non virtuali ?? pubblicare le nostre immagini ?? pagare la pubblicità per nostra attività ??  che poi, forse capita solo a me essendo a quanto pare un riconosciuto pornografo  :) Ma nelle pubblicità sul lato destro dello schermo mi appaiono spesso inserzioni di negozi di intimo audace o siti per conoscere procaci single, cartomanti, siti per il gioco d’azzardo on line, evidentemente basta pagare Ma dicevo vale la pena perdere del tempo quando poi una “ Ambra “ qualsiasi può decidere che siamo brutti e cattivi e cancellare il nostro account  e di NON RIATTIVARLO PER ALCUN MOTIVO ???

Forse dovrebbero ricordarsi che il successo di un mezzo come Facebook è determinato dagli utenti, loro sono i padroni della piattaforma ma i contenuti li mettiamo noi, forse dovrebbero ricordarsi della fine che ha fatto secondlife e di quello che sta succedendo a myspace milioni di utenti persi in pochi mesi.